Instagram rimane il social network più amato dalle imprese. Grazie al suo impatto visivo è il social migliore per raccontare la storia di un brand.

Instagram è uno dei canali che è mutato e si è evoluto più frequentemente e più rapidamente.

Novità riguardanti post, stories, IGTV, aggiornamenti dell’algoritmo, modifiche nelle policy sono quasi all’ordine del giorno.

Utilizzarlo è semplice. Ma utilizzarlo in maniera efficace (in termini di reputazione e di marketing) è molto più difficile.

Attraverso un account Instagram, se utilizzato come si deve, puoi aumentare le vendite dei tuoi prodotti e convertire i tuoi followers in clienti. Inoltre, grazie alle molteplici funzioni che Instagram Business mette a disposizione dei suoi clienti, il tuo account può diventare un canale di e-commerce.

Assistiamo di recente ad alcune tendenze che è giusto osservare. Una di questa ci dice che in Instagram si scrive (e quindi si legge) di più.

Mi sembra un aspetto molto interessante e da non sottovalutare. Finalmente anche il social delle immagini si converte alla scrittura e al racconto, con innumerevoli vantaggi per la storia del brand.

 

Come trasformare un follower in un cliente fedele

Innanzitutto, per trasformare un follower Instagram in un cliente fedele, è necessario lavorare sodo per creare contenuti di qualità. Ma non solo.

Aprire un profilo Instagram è semplice e gratuito, ma per ottenere risultati la strategia non può essere lasciata la caso, deve essere studiata e programmata.

Ricorda che per vendere su Instagram è necessario che la Brand Identity sia chiara e riconoscibile.

 

come vendere su Instagram

Brand Identity: il brand deriva dalla sinergia di più elementi: fiducia, design, strategia, marketing, pubblicità, denaro, logo e identità aziendale. Immagine di gbDesign

 

Come trasformare il proprio profilo Instagram in un canale di Marketing?

Instagram è un social che si presta all’e-commerce. Per poter vendere su Instagram deve esserci innanzitutto una buona conoscenza della propria audience, alla quale il prodotto va fatto conoscere nel miglior modo possibile.

Per vendere on-line tramite Instagram il tuo account deve presentare innanzitutto queste tre caratteristiche:

  • un buon contenuto,
  • un linguaggio empatico,
  • semplicità di contatto e di acquisto.

È l’insieme di queste caratteristiche che crea fiducia nel potenziale cliente e dunque la possibilità di acquisto.

Per contenuti di qualità, essendo Instagram un social che si basa sull’immagine, intendo fotografie di qualità: il tuo prodotto deve essere attraente e il tuo brand deve farsi ricordare.

Con l’empatia, ossia la capacità di comprendere le emozioni e lo stato d’animo altrui, riusciamo a creare un rapporto di fiducia con il nostro interocutore.

Cinque consigli per aumentare le vendite dei tuoi prodotti grazie al social network del momento

Per vendere su Instagram devi valorizzare il tuo lato umano e dare importanza al rapporto di fiducia che si crea tra la tua azienda e i tuoi follower

1. Fai in modo che il tuo profilo Instagram rappresenti i tuoi prodotti. Ma non solo.

Il primo passo è quello di creare un profilo che abbia lo scopo di attrarre potenziali clienti.

Iniziamo con la biografia: inserire il sito internet, città e numero di telefono è molto utile, rende professionali ma anche umani.

Puoi anche dare il benvenuto ai tuoi acquirenti includendo una call to action, ossia un invito ad agire: “Scopri il nuovo catalogo” può essere un esempio.

Se pubblichi regolarmente delle Instagram Stories puoi pensare di creare degli album per presentare offerte e nuovi prodotti. Mantieni le Stories in evidenza sempre in ordine: usa delle cover piacevoli e inserisci il tema del prodotto.

Avere un account professionale non significa postare esclusivamente immagini di prodotti.

Puoi postare immagini che riguardano la tua azienda in modo ampio come un viaggio di lavoro o un incontro con nuovi clienti o collaboratori. La persone amano tornare dove hanno provato emozioni, non dimenticarlo!

Le Stories in evidenza vanno aggiornate di continuo, e vanno impostate con delle cover personalizzate.

Possono essere un utile canale di marketing, data la possibilità di collegarle al catalogo dei prodotti

2. Crea il tuo personale brand hasting

Il brand hashtag, da inserire nella biografia (bio) e da usare quando pubblicherai delle nuove immagini, deve essere il più personale possibile.

Ricordati di aggiungerlo ai tag che utilizzarli quando pubblichi un nuovo post: questo serve a far riconoscere il tuo prodotto e ad acquisire maggiore visibilità.

Inserire il brand hashtag nei tuoi post ti permetterà inoltre di aumentare la awareness del tuo marchio.

3. Coinvolgi i tuoi followers con l’empatia

Il rapporto azienda – consumatore è fondamentale per effettuare una vendita e la base per stabilire un rapporto è quella di trasmettere fiducia.

Rispondi ai loro commenti, fai domande, sii coinvolgente.

Solo conoscendo la tua audience potrai soddisfarne i desideri creando quella connessione emotiva che sta alla basa della conversione.

I contenuti che condividi dovranno essere poi essere pensati in base alle esigenze specifiche del tuo target, in modo da creare dei messaggi personalizzati. E non dimenticare l’empatia.

Potresti leggere: Per farti trovare dai tuoi potenziali clienti devi conoscere il tuo target di riferimento: le Buyer Personas

4. Ricorda che investire è necessario: utilizza Instagram ADS per promuovere i tuoi prodotti

Se vuoi vendere i tuoi prodotti con Instagram, la tua strategia deve includere la promozione del tuo profilo business con le Instagram ADS: dei feed o anche delle stories, se ha raggiunto i 10m followers.

In questo caso puoi seguire due strade:

1.Le promozioni direttamente da Instagram (il “Metti in evidenza”)

2.La Gestione inserzioni da Business Manager.

La seconda opzione è certamente quella più completa in quanto offre diversi obiettivi, maggiori opportunità di targeting, permette di definire il posizionamento, gli orari di visualizzazione delle inserzioni e molto altro.

Ogni mercato ha le sue caratteristiche: non pensare ci conoscere quello di Instagram solo perché hai un account.

Gli esperti di Business Manager ti possono indirizzare verso le giuste scelte per non sprecare denaro in inserzioni inutili.

5. Usa la funzione Catalogo, pensata da Instagram proprio per vendere i tuoi prodotti

Con un account aziendale Instagram hai anche la possibilità di utilizzare la funzione Catalogo.

Tramite la funzione Catalogo puoi aggiungere tutti i tuoi prodotti su Instagram: questo semplificherà ai tuoi follower la visualizzazione dei dettagli e dei prezzi.

Ci sono 3 opzioni per collegare un catalogo prodotti al tuo account Instagram aziendale:

  1. Usando una piattaforma di e-commerce: con Shopify o BigCommerce puoi configurare una vetrina su Facebook  attraverso queste piattaforme.
  2. Usando Gestione dei cataloghi: utile se vuoi creare un nuovo catalogo in Gestione dei cataloghi o se vuoi collegarti a un catalogo che già gestisci.
  3. Aggiungendo una vetrina nella tua Pagina Facebook collegata.

Con la funzione Catalogo puoi aggiungere tutti i tuoi prodotti su Instagram, con prezzi e dettagli.

come vendere su Instagram

Come vendere su Instagram: con la funzione Catalogo puoi aggiungere tutti i tuoi prodotti su Instagram, con prezzi e dettagli

Anche tu ti sei chiesto se le Instagram Stories per le aziende funzionano davvero?

Certo che funzionano, ma devono essere ben fatte! Ed è proprio perché piacciono e ottengono molte visualizzazioni che sono state introdotte le Instagram Stories Ads.

Lo sapevi che anche per le Stories puoi analizzare i risultati ottenuti grazie agli Instagram Analytics?

Un consiglio che posso darti è quello di segnarti, per ogni campagna che fai, i risultati ottenuti in termini di target, di conversioni e di visualizzazioni, in modo da cogliere eventuali “errori” e per meglio indirizzare le tue prossimi campagne.

Pubblichiamo storie su Instagram con grande frequenza e dobbiamo la maggior parte del traffico nel nostro sito web a questo strumento. Instagram ci aiuta a scoprire cosa stanno facendo e dicendo i clienti, è il miglior modo per creare sostenitori per il nostro brand.

Queste sono le parole di Sara Gordon, Brand and Creative director di Bloom & Wild (Fonte Instagram Business)

Bloom & Wild è un’azienda irlandese di flower delivery conosciuta oggi in tutto il mondo.

Con Instagram Analitycs, inoltre, puoi vedere i risultati delle tue campagne. Ricorda di usarlo anche per le Stories.

Umanizza il tuo concetto di business

La condivisione del tuo lato umano donerà autenticità agli occhi dei followers che sicuramente ti preferirà a un competitor che si mostra con le solite immagini patinate con il logo aziendale.

Le aziende, più o meno grandi che siano, devono utilizzare Instagram per mostrare i talenti dei propri dipendenti, mentre sono all’opera su qualche progetto o durante qualche evento.

Mostrare i dipendenti come una parte importante dell’azienda permette agli utenti di apprezzare il lato umano della tua attività, a vantaggio del rapporto di fiducia che si deve instaurare.

Come puoi ben capire, utilizzare Instagram per il proprio business non è così semplice come sembra ed è necessario analizzare costantemente i risultati delle campagne per poter raggiungere gli obiettivi.

Ricapitolando, ricorda che quando si parla di come fare marketing con Instagram, devi tenere sempre in considerazione questi fattori:

  • scrivere una biografia accattivante ma reale;
  • scegliere un tema principale;
  • utilizzare uno stile riconoscibile;
  • utilizzare gli hashtag corretti;
  • analizzare e tenere monitorati con costanza i risultati ottenuti.

Dove inserire gli #hashtag su Instagram

Tutti noi, gestori di account Instagram, ci siamo chiesti almeno una volta se sia meglio inserire gli hashtag nella didascalia che accompagna il post o nel primo commento alla foto.

Il dibattito su dove inserire gli hashtag va avanti, tra esperti americani e non di social media marketing, da qualche anno.

Il fatto è sempre stato quello che gli hashtag inseriti a fine post non risultano “essere di buon gusto”, oltre che “rubare” lo spazio visibile al testo del post.

Viceversa, i detrattori dell’hashtag nel primo commento sostengono che ciò fa diminuire la visibilità dei post commentati.

Ma il punto è un altro: è vero che la diversa posizione influisce sulla copertura del post e dunque sulla visibilità?

Cerchiamo di capirlo insieme.

Buona parte dei brand preferisce posizionare i propri hashtag all’interno della didascalia del post.

Stando ai dati riportati da una ricerca di SocialInsider del 2019, l’inserimento degli hashtag all’interno della didascalia assicura la migliore copertura dei post in quasi tutti i profili aziendali (sia quelli con pochi sia quelli con moltissimi follower).

I valori che invece scelgono di posizionare l’hashtag nel primo commento non sono poi tanto differenti:

  • nei profili con meno di 5000 follower, i valori della portata di un post si allontanano del 3.5%
  • in profili che vanno dai 5000 ai 10000 follower, la differenza diventa circa dell’1.23%.

Per quanto la differenza sia sottile, c’è comunque da ricordare che la minore portata di un post si traduce poi nel minor successo del brand.

Sembrerebbe quindi proprio non valere la pena posizionare gli hashtag nel primo commento solo per una questione estetica.

Qual è il numero perfetto di hashtag da inserire?

Lo studio ha analizzato anche il numero di hashtag che i profili aziendali inseriscono in ogni post.

Buona parte dei brand ne utilizza un numero variabile tra i 7 e i 25, con un divario piuttosto significativo tra questi due intervalli.

Alcune ricerche passate hanno dimostrato che utilizzando tra i 9 e gli 11 hashtag un post si assicura l’engagement (copertura) ottimale.

Nonostante i dati, è chiaro che molto dipenda dal nostro target e dagli hashtag che scegliamo di utilizzare.

Una cosa però è certa: Instagram consente di utilizzare fino a 30 hashtag per post.

Possiamo inserirne dunque a volontà, ciò che conta è che siano mirati, pertinenti, e che abbiano un alto seguito. Ricorda che un minimo di 7 è diventato oramai quasi fondamentale.

Instagram come micro blog

Sappiamo che una lunghezza giusta in assoluto per i testi in Instagram non esiste. La lunghezza va rapportata alla natura del post, all’identità del brand e alla tipologia di pubblico a cui è indirizzato.

In molti hanno notato che, da qualche tempo, su Instagram si scrive di più.

Il via l’hanno dato celebrità e brand internazionali, che hanno provato a cimentarsi con lunghe caption.

E i risultati sono stati spesso molto interessanti in termini di partecipazione e riscontro da parte della propria audience.

Più testo significa maggiori opportunità di narrazione. Ma significa anche maggior coinvolgimento e quindi maggiori possibilità che il post compaia nella sezione Esplora e migliore visibilità del contenuto.

Insomma, il social che ha fatto la sua fortuna sulle immagini con al massimo una breve descrizione si è “arreso” all’evidenza che il connubio perfetto immagine+testo è la strada più seguita.

Capire il motivo è semplice, le parole giuste e scelte con cura possono aiutare a informare, raccontare una storia, creare valore, coinvolgere, costruire una relazione, convertire. 

Leggi anche: Perché affidarsi al “copywriter” per creare l’immagine del proprio brand

Tiriamo le somme: consigli per fare marketing con Instagram

Ricapitolando, ricorda che quando si parla di come fare marketing con Instagram, devi tenere sempre in considerazione questi fattori:

  • scrivere una biografia accattivante ma reale;
  • utilizzare immagini di qualità;
  • utilizzare uno stile riconoscibile;
  • utilizzare gli hashtag corretti;
  • utilizzare le opportunità offerte da Instagram Business;
  • raccontare una storia sul testo (ad esempio tradizioni legate alla tua azienda o aneddoti);
  • analizzare e tenere monitorati con costanza i risultati ottenuti.
  •  

Spero che il mio post possa esserti d’auto nel programmare la tua attività su Instagram.

Nel caso tu voglia approfondire o avessi bisogno di aiuto contattami!

 

Articolo a cura di Sara Soliman
AEsse Communication
__________________

Sara Soliman

Copywriter

Comunica la tua azienda con i Servizi di AEsse Communication:

  • business blogging e testi professionali,
  • copywriting
  • foto professionali,
  • siti web responsive e mobile friendly
  • consulenza sui social media


Contattaci a questi recapiti:
✉︎   info@aessecommunication.it

Servizi di Comunicazione digitale:
Nicola   ☏   +393498058016

Seguici sui social

Icona FacebookLinkedIn

Cosa possiamo fare per te?

Ti aiutiamo a comunicare con empatia, a gestire un sito web e a scrivere con passione.
Sara & Team

Contattaci!

E-Mail
info@aessecommunication.it

Show Buttons
Hide Buttons