+39 349 80 58 016 info@aessecommunication.it
Piano editoriale estivo: come e cosa pubblicare sui social in estate

Piano editoriale estivo: come e cosa pubblicare sui social in estate

5 consigli su come utilizzare i social in estate

Con l’arrivo della stagione estiva, oltre al cambio di armadi, è importante effettuare anche un cambio di strategia per la nostra comunicazione social.

Sia che si tratti di Facebook e Instagram, o della nostra pagina aziendale o personale LinkedIn, dobbiamo andare incontro alle necessità del nostro target, modificando i contenuti e adattandoli ai trend della stagione più calda dell’anno.

Ecco quindi le indicazioni su cosa e come pubblicare sui tuoi social in estate.

Il piano editoriale social estivo: leggerezza

Parola chiave: alleggerire

Innanzitutto, l’estate chiama leggerezza, divertimento, vacanze e relazioni sociali. Di conseguenza, anche i nostri contenuti dovranno seguire questo trend.

Sia per quanto riguarda la tipologia dei contenuti, che il tono di voce, evitiamo argomenti molto complessi che richiedano alta concentrazione, teniamoci su frasi brevi e comprensibili, puntiamo su giochi di parole e linguaggio figurato.

Più racconto e meno vendita

Lo storytelling è sempre un elemento fondamentale della comunicazione social, ma in estate investiamo una parte più rilevante del piano editoriale nel racconto dei nostri prodotti o servizi.

Possiamo raggiungere ugualmente l’obiettivo vendita, ma in una modalità che al nostro target risuonerà più piacevole e convincente.

A nessuno piace sentirsi dire «compra, compra», tantomeno in estate che è il momento dedicato al divertimento e al relax.

 

Personal branding anche se vendi un prodotto e non un servizio

Se hai un negozio o un’attività di vendita, forse non hai mai investito molto nel personal branding. Ora che comincia l’estate, considera di inserire l’elemento umano nella tua comunicazione.

Che sia il titolare dell’azienda, o un portavoce scelto per rappresentarla, gli utenti apprezzeranno molto di più il fatto di vedere una persona reale dietro ai prodotti.

In più, in una stagione dove la soglia dell’attenzione è di necessità bassa, una persona che presenta un prodotto è più in grado di catalizzare attenzione.

Aggiorna i visual sui toni estivi, chiari, azzurri e saturi. Evita i toni scuri

Anche le immagini devono accordarsi con la stagione: meglio fare fotografie luminose, con colori chiari e freschi.

Puntare sulle tonalità che richiamano il mare, come gli azzurri e verde acqua, magari con alcuni punti di contrasto in rosso o blu. Meglio quindi evitare i grigi, i neri e i marroni, che richiamano inverno e autunno.

Puoi consultare il sito pixabay ( oppure unsplash o freepick) per trovare una serie di belle immagini libere da copyright.

Cerca di venire incontro allla tua community

Pubblica al centro della settimana: martedì, mercoledì e giovedì

In estate, il venerdì abbiamo già la testa nel weekend. Il lunedì invece dobbiamo organizzare la settimana.

I giorni utili quindi per catturare l’attenzione del nostro pubblico sono il martedì, il mercoledì e il giovedì.

Se abbiamo dei post più leggeri e divertenti, possiamo considerare anche il fine settimana, ma occorre testare per capire se il nostro pubblico è attivo sui social.

Con questi consigli, puoi realizzare un piano editoriale estivo efficace e performante, mantenere il contatto con la tua community e ottimizzare la tua comunicazione in vista dei tuoi obiettivi.

E se ti serve una mano, contattami, sono a tua disposizione per una consulenza.

Se ti è piaciuto questo articolo, leggi anche:

La mappa del tesoro dei tuoi social: il Piano Editoriale

5 step per far decollare la tua pagina aziendale LinkedIn

E, per saperne di più sul piano editoriale per social e blog, potresti leggere:


Perché è importante avere un piano editoriale per il Blog e come costruirlo

Anna Girardi

Social Media Manager & Strategist

Scopri come posso aiutarti su:

  • gestione pagine social media
  • contenuti multimediali
  • campagne Ads

Anna  +39 346 6072 387

✉︎ girardi.annasm@gmail.com

Seguimi sui social

LinkedIn  InstagramFacebook

Instagram per il turismo: 6 consigli per raggiungere il tuo target e aumentare la visibilità

Instagram per il turismo: 6 consigli per raggiungere il tuo target e aumentare la visibilità

Un account Instagram, per crescere e ottenere un pubblico ampio e interessato, ha bisogno di contenuti di qualità e di costanza nella pubblicazione: comprare followers è inutile

Tra tutti i social network Instagram è forse quello che meglio si adatta al settore viaggi e turismo, grazie proprio alla potenza della comunicazione visiva.

È un social in continua crescita (nel 2021, Instagram ha superato 1 miliardo di utenti attivi, e oltre 500 milioni di utenti utilizzano la piattaforma ogni giorno) e ha un bacino di utenza tale da poter garantire una visibilità eccellente alla tua struttura e ai servizi che offri.

Se gestisci un hotel o un B&B, ma anche un agriturismo o un ristorante, seguimi: vedremo insieme qualche suggerimento per utilizzarlo al meglio e ottenere la visibilità che permette alla tua struttura di farsi notare online.

Vedremo le buone pratiche che ti permettono di aumentare i followers, quali hashtag utilizzare e il motivo per cui ti sconsiglio di comprare followers.

Nell’articolo Come cambia Instagram per le aziende: puntare sui contenuti visivi e testuali si rivela la scelta vincente spiego invece come, nel tempo, Instagram si sia modificato, diventando sempre più un micro-blog.

Questo evidenzia l’importanza dei contenuti non solo visivi di un social nato il 6 ottobre 2010 per la condivisione di selfie da modificare con diversi filtri forniti.

A riconfermare che il successo di un media nel tempo passa attraverso l’utilità dei servizi che offre ai suoi utenti.

1. Inizia con una Bio significativa

Se hai già creato un profilo per la tua struttura, che deve essere Business, hai già inserito la Bio, quella didascalia che appare sopra la gallery fotografica.

È il tuo biglietto da visita su Instagram: deve essere semplice ma significativa. Inizia da qui a distinguerti.

Nella bio non deve mancare:

  • il link al tuo sito web; 
  • un hashtag ufficiale della tua struttura;
  • Il luogo, la città dove si trova la tua struttura.

Vediamo ora qualche altro consiglio di content marketing per promuoverti al meglio.

2. Condividi immagini reali e contenuti utili

Scegli uno stile idoneo con l’immagine che vuoi trasmettere, condividi immagini di qualità e reali: questo rende gli utenti più propensi a interagire col brand.

Le immagini reali sono quelle che rappresentano la tua attività, il tuo hotel, le persone che lo vivono.

È importante che tu riesca a trasmettere i tuoi valori e la qualità dei tuoi servizi. Fai attenzione a non creare aspettative non realistiche.

3. Crea frequenti stories

Non porre limiti limiti al desiderio di raccontare la tua attività: pubblica immagini e brevi video di eventi che crei nella tua tua struttura o a cui partecipi nel territorio e condividili nelle stories, ti aiuterà a crescere più velocemente.

Puoi anche coinvolgere il tuo pubblico con qualche domanda, meglio se con risposte chiuse per evitare sorprese spiacevoli.

Un esempio? “Cosa preferite trovare quando rientrate al B&B nel pomeriggio? Uno stuzzichino salato o una torta fatta in casa?”

Inoltre, grazie alle localizzazioni, permetti ai tuoi followers di ripercorrere i tuoi passi e vivere le tue stesse emozioni. E magari far sorgere in loro il desiderio di trascorrere un vero soggiorno nella tua struttura.

Instagram turismo

Alcuni consigli utili per aumentare la visibilità su Instagram. A questi è necessario aggiungere periodicamente delle Instagram ADS, che dipendono dal budget a disposizione

Oggi sono numerose le aziende che hanno deciso di affidarsi a fotografi professionisti anche per la creazione di immagini da condividere nei social. A riconferma della centralità della qualità e dell’importanza del linguaggio visuale.

Informa sul territorio e illustra i tuoi servizi

Condividi immagini del tuo territorrio, ricorda che immagini romantiche e con il tramonto sono sempre molto apprezzate proprio perché sono emozionali e permettono di sognare.

Dai informazioni su ciò che lo contraddistingue e condividi contenuti utili, come le attrazioni della zona in cui ti trovi o le attività sportive praticabili, in un’ottica di marketing del territorio.

La tua struttura offre un servizio di ristorazione?

Nulla di meglio che condividere immagini di pietanze presentate in modo personale.

Umanizza il tuo brand

Condividi con i tuoi followers il lato umano del tuo hotel, mostrando le persone che lavorano con te. È questo l’aspetto “vivo” del tuo lavoro.
E ti aiuta a distinguerti.

4. Trasforma i tuoi clienti in autori (User Generated Content)

Condividi i post delle persone che hanno soggiornato nel tuo hotel e hanno usato l’hashtag della tua struttura, è un modo di creare affiliazione tramite i social.

Inoltre, gli utenti reputano molto affidabili le testimonianze di esperienze vissute da altri: in questo il repost gioca doppiamente a tuo vantaggio.

Inoltre, inserendo il geotag (o geolocalizzazione), favorisci sia le persone che hanno utilizzato la posizione del tuo hotel per localizzare il loro post (buona pratica è la ripubblicazione nelle stories) sia l’utente che si trova nelle vicinanze e cerca un ristorante o un hotel

Il fatto che l’utente sia convinto che gli User Generated Content siano “più reali” della comunicazione tradizionale è per te un enorme vantaggio perché aumentano la predisposizione all’acquisto del prodotto o del servizio descritto o raccontato nel post.

Ricorda dunque che:

Gli UGC convincono, si ricordano con facilità, ispirano fiducia, generano valore per l’azienda e per i consumatori.

5. Sii costante con le pubblicazioni

Frequenza e costanza di pubblicazione sono due aspetti importanti per Instagram.

Se vuoi aumentare la tua visibilità e i tuoi followers devi presidiarlo giornalmente con almeno una foto e una o più stories.

Anche nei periodi di chiusura mantieni vivo il rapporto con i tuoi followers informandoli, ad esempio, di #workinprogress.

La cosa migliore è però organizzarsi per tempo e seguire un piano editoriale di pubblicazione, così da non trovarsi mai senza contenuti.

6. Inserisci gli hashtag giusti per la tua struttura

Per intercettare la community dei viaggiatori è necessario l’utilizzo degli hashtag, che sono come degli aggregatori testuali che ti permetteranno di interagire con determinati utenti.

Su Instagram gli hashtag hanno una funzione centrale, infatti questi elementi sono fondamentali per aumentare la visibilità dei propri post.

L’hashtag è una sorta di tag cliccabile, costituito da una determinata parola chiave preceduta dal carattere cancelletto. 

Gli hashtag sono un ottimo strumento per filtrare gli argomenti che vengono postati su Instagram, e di conseguenza possono essere utilizzati per aumentare il livello di coinvolgimento degli utenti.

Un post con hashtag efficace, inoltre, ha molte più probabilità di andare incontro ad una visibilità ampia, oltre che mirata.

Individuare il giusto tag con cui accompagnare un post è importante: ti permetterà di aumentare i followers su Instagram e alzare il livello di partecipazione da parte degli utenti.

Inizia creando un l’hashtag principale del tuo Hotel e usalo per tutti i tuoi post.

Per trovare gli hashtag giusti per il tuo settore e quelli usati dei tuoi potenziali clienti usa i tool come Ritetag o Hashtagify, che permettono di individuare delle preziose parole chiave correlate da aggiungere al tag principale.

Instagram stesso ti suggerisce i tag più utilizzati quando inserisci la parola chiave preceduta da #.

Ricorda che usare hashtag popolari e che vengono maggiormente usati in quel momento aumenterà la copertura e la visibilità dei tuoi post

Tra più popolari in assoluto, per intenderci si trovano #beach, #bestoftheday, #food, #friends, #fun, #instagram, #love, #nature, #travel #instafoto #summer e via dicendo. Questi hashtag hanno dei numeri altissimi di condivisione e il loro vantaggio principale consiste nell’alta visibilità che riescono a dare fin da subito al post.

Ma c’è un problema. Il loro ampio utilizzo (dopo il tuo post molti altri utenti faranno lo stesso) fa scomparire in poco tempo ciò che hai pubblicato.

Un approccio più mirato è quello di utilizzare degli hashtag specifici, che riguardano cioè una specifica attività, un certo prodotto o la zona/regione in cui ti trovi.

Ovviamente la visibilità sarà minore, ma i post avranno più probabilità di essere visualizzati dal tuo reale pubblico target, ovvero dagli utenti che ti interessano di più, perché rimarranno più a lungo tra i post proposti da Instagram agli utenti.

La strategia migliore è quella di pubblicare qualche hashtag popolare (ma attinente) e qualche hashtag specifico e mirato, in modo da raggiungere entrambi gli obiettivi.

Perché non serve a nulla comprare followers su Instagram

Ora ti spiego le principali ragioni per cui ti sconsiglio di comprare followers su Instagram.

Avrai notato anche tu che sono in molti a comprare followers su Instagram per condividere così il loro contenuto con un pubblico più ampio.

Ma comprare followers non significa avere un reale seguito. È stato dimostrato che l’engagement è uguale a zero! Comprare followers significa solo sprecare i propri soldi.

Nei social network, a contare non è tanto il numero di followers o dei like, quanto piuttosto il coinvolgimento degli utenti. 

A che scopo acquistare 10.000 utenti su Instagram, se nessuno di loro interagirà mai con i tuoi contenuti?

Quanti di loro saranno realmente interessati alla tua proposta e ai tuoi servizi?

Instagram inoltre, come qualsiasi altro social network, funziona sulla base di algoritmi precisi. 

Ciò significa che questa piattaforma decide di far vedere i contenuti di una pagina solo se questi possono interessare l’utente, ossia propone i contenuti simili ai suoi like precedenti.

Se quest’ultimo non interagisce in alcun modo con i tuoi contenuti, Instagram non gli propone più nulla di tuo.

Se vuoi ampliare il tuo pubblico e ottenere in breve tempo nuovi followers realmente interessati a te la strategia migliore è quella di utilizzare la Instagram Ads e Facebook Ads.

Aumentando la visibilità in modo profilato e con un minimo di budget a disposizione, potrai ottenere followers reali e motivati a guardare ciò che pubblichi.

Vuoi aumentare i tuoi followers su Instagram?

Ricapitolando, per far crescere in modo efficace i seguaci del tuo account devi offrire contenuti di qualità, usare gli hashtag corretti e il geotag. Anche essere attivo all’interno delle community di settore serve a farti notare.

Inoltre: rispondi sempre ai commenti, ricambia i like, fai sentire che dietro il brand c’è comunque una persona.

Ricorda che i social vanno utilizzati con il fine ultimo di creare risorse di business per il proprio brand e una strategia di social media marketing deve darsi obiettivi misurabili e concreti.

Se hai bisogno di aiuto per impostare il tuo piano editoriale per i social della tua attività o vuoi qualche consiglio per meglio impostare la tua strategia su Instagram, non esitare a contattarmi. Vedremo insieme quali sono i migliori contenuti da condividere nei social.

Sull’importanza del piano editoriale puoi leggere:

Un altro social molto utile al settore turismo è Pinterest. Potresti leggere due articoli interessanti:

Articolo scritto a giugno 2020 e aggiornato a maggio 2022

Sara Soliman

Copywriter

Scopri i Servizi di AEsse Communication:

  • business blogging e testi professionali
  • copywriting
  • foto professionali
  • siti web responsive e mobile friendly
  • social media marketing

✉︎   info@aessecommunication.it

Servizi di Comunicazione digitale:
Nicola   ☏   +39 349 8058 016

Seguici sui social

LinkedIn  FacebookPinterest social

Cosa possiamo fare per te?

Ti aiutiamo a comunicare con empatia, a gestire un sito web e a scrivere con passione.
Sara & Team

Contattaci!

E-Mail
info@aessecommunication.it

Crea i tuoi post social in tempo record con la tecnica del batching

Crea i tuoi post social in tempo record con la tecnica del batching

Il metodo americano che ti aiuta nella creazione dei tuoi post social e nell’organizzazione della tua attività

Realizzare contenuti per i tuoi canali social è un’attività che può occupare molto tempo, se non hai un flusso di lavoro organizzato.

Un metodo che ti suggerisco è la tecnica del batching, che ti permette di essere più veloce, più efficace e più ordinato nella creazione dei post.

Cos’è il batching?

Letteralmente “batching” significa “raggruppare”. Di base si tratta di smontare i passaggi di un lavoro e concentrare lo stesso tipo di attività nello stesso lasso di tempo.

Di per sé è un metodo che si può applicare a qualsiasi necessità, in questo articolo ti spiegherò come poterlo utilizzare per la creazione dei tuoi contenuti social.

Parti dalla creazione dei content pillars

Step 1: Content Pillars

Se non hai già un piano editoriale (per approfondire, leggi il mio articolo), prima di tutto parti dagli argomenti di cui parlare.

Individua da 3 a 5 “content pillars”, pilastri di contenuti, ovvero le macrocategorie dei vari topic: sono le fondamenta su cui costruire la tua comunicazione.

Per esempio, se il tuo brand parla di cucina, 4 content pillars possono essere “ricette”, “materie prime”, “personal storytelling” e “tools e accessori”.

Step 2: Topic e tipologie

All’interno di ogni content pillars, individua almeno 4 topic di cui parlare. Seguendo l’esempio di cui sopra, all’interno del content pillar “ricette” potrai parlare di una ricetta con una verdura di stagione, una ricetta fresca per l’estate, una merenda salutare, uno snack sfizioso.

Seleziona 1 topic di ogni content pillars e decidi che tipologia di post sarà tra immagine singola, carosello o gallery, video e reel (per Instagram).

Raggruppa insieme le attitività simili

Step 3: Batching

A questo punto entriamo nel cuore della tecnica del batching: raggruppiamo le diverse attività di cui è composta la creazione di un post per tipologia.

Dei 3 o 4 topic che hai scelto per la settimana, dedicati prima alla realizzazione di tutta la parte visual: scatta le foto, realizza i video, disegna le grafiche.

In seguito, scrivi tutti i testi delle caption. Infine ricontrolla tutto e programma i post tramite Creator Studio o Later.

A questo punto, in poco tempo, hai creato un’intera settimana di contenuti per i tuoi social e dovrai occuparti solo di interagire con la community.

Niente male, vero?

Se ti serve una mano per i tuoi social, contattami, metterò a disposizione tutta la mia esperienza per aiutarti nella tua attività.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, leggi anche:

 

Articolo scritto il 21.06.2021, rivisto e aggiornato il 21.03.2022

Anna Girardi

Social Media Manager & Strategist

Scopri come posso aiutarti su:

  • gestione pagine social media
  • contenuti multimediali
  • campagne Ads

Anna  +39 346 6072 387

✉︎ girardi.annasm@gmail.com

Seguimi sui social

LinkedIn  InstagramFacebook

Pubblicità su Pinterest: scopri come costruire una strategia vincente per la tua attività

Pubblicità su Pinterest: scopri come costruire una strategia vincente per la tua attività

Pinterest può essere la piattaforma ideale su cui fare pubblicità alla tua attività. Scegli il tuo obiettivo di marketing, utilizza i prodotti di Pinterest e inizia a pubblicare annunci.

Pinterest può essere di aiuto alla tua attività perché sulla piattaforma puoi condividere le tue idee e i tuoi prodotti con chi è in cerca di ispirazione. Non credi sia questo il momento migliore per intercettare il tuo target?

Pinterest è in continua crescita: sono oltre 450 milioni le persone che utilizzano la bacheca virtuale per eccellenza. Cercano nuove idee ispirazioni.

Bisogna, però, riuscire a farsi riconoscere. Ma come fare?

Fare pubblicità della tua attività su Pinterest può essere la soluzione giusta per te.

Scopriamo allora insieme come creare un account business per la tua attività e come costruire una pubblicità strategica su Pinterest.

 

Come creare un account aziendale su Pinterest

Per riuscire ad avere successo su Pinterest ed iniziare ad utilizzare gli strumenti di marketing messi a disposizione dalla piattaforma è fondamentale creare un account business.

Pinterest

Pinterest: creare un profilo business è indispensabile per promuovere la tua attività

Che cos’è?

È un account gratuito che ti permette di:

  • Avere un profilo aziendale completo;
  • Accedere a dati analitici;
  • Monitorare fattori chiave come il branding e l’attribuzione dei contenuti.

Una volta che hai creato il tuo account aziendale o hai convertito il tuo account personale già esistente è importante che completi il tuo profilo con:

  • Foto profilo;
  • Posizione;
  • Info utili;
  • Verifica del tuo sito web.

Una volta che hai acquisito le basi puoi iniziare ad inserire degli strumenti utili sul tuo sito:

  1. Widget Pinterest: strumento attraverso cui è più facile per le persone interagire con i contenuti che la tua attività pubblica su Pinterest. Puoi integrare i pin del tuo business account sul tuo sito web;
  2. Pulsante Salva: aiuta le persone a salvare i pin in modo diretto dal sito web della tua attività;
  3. Pulsante Segui: consente alle persone di seguire il profilo Pinterest della tua attività con un semplice clic;
  4. Tag di Pinterest: ti aiuta a capire come le persone interagiscono con il tuo sito web dopo aver visto i tuoi annunci di Pinterest.

Scegli un obiettivo di marketing

Nel pianificare la tua pubblicità su Pinterest è importante scegliere e definire un obiettivo di marketing: consolida la conoscenza del brand, aumenta la brand consideration e incrementa le vendite.

1. Consolida la conoscenza del brand

Pinterest può aiutarti a raggiungere gli utenti nel momento in cui stanno per decidere il loro prossimo acquisto o la loro mossa successiva.

Devi riuscire a far arrivare il tuo messaggio alle persone e aiutarle a prendere decisioni sicure e consapevoli.

Le soluzioni di marketing di Pinterest ti permettono di realizzare campagne per aumentare la brand awareness e lanciare nuovi prodotti con la massima efficacia.

Qui di seguito alcuni consigli creativi per ottenere i risultati migliori:

  • Adegua i tuoi contenuti a occasioni particolari o eventi stagionali. Proponi immagini di momenti speciali della vita o legate a eventi stagionali rende i tuoi pin creativi, pertinenti e riconoscibili;
  • Sottolinea l’unicità del tuo prodotto/servizio. Fai sapere agli utenti che la tua attività si occupa di qualcosa di davvero speciale da condividere;
  • Usa la descrizione del pin per dare maggiore contesto e rafforzare il brand. Il campo della descrizione ti aiuta a contestualizzare il pin e a fornire maggior dettagli, mettendo in luce le informazioni più importanti.

2. Aumenta la brand consideration

Altro obiettivo a cui la tua attività può puntare su Pinterest è quello di aumentare la brand consideration. Raggiungere le persone quando stanno per prendere una decisione e spingerle a compiere il passo successivo.

Per fare ciò hai a disposizione due soluzioni:

  1. Incrementa il traffico. Gli annunci di Pinterest ti aiutano ad aumentare il traffico su un’altra pagina della piattaforma o su un sito esterno dove i tuoi utenti troveranno maggiori informazioni sui tuoi prodotti/servizi;
  2. Aumenta i download della tua app. Con i pin sponsorizzati gli utenti possono scaricare la tua app in modo diretto da Pinterest e tu puoi raggiungere il tuo pubblico di riferimento, aumentando così il numero di installazioni.

3. Incrementa le vendite

Di sicuro da imprenditore vuoi che le persone che arrivano sul tuo sito compiano un’azione ben precisa, di acquisto. Le campagne di conversione in questo ti possono essere d’aiuto.

Le campagne di conversione ti aiutano a raggiungere i tuoi obiettivi di performance e in questo tipo di strategia la chiave di tutto è il rendimento.

Per raggiungere i tuoi obiettivi di conversione hai a disposizione diversi formati di annunci come pin sponsorizzati, video o caroselli sponsorizzati.

Qualunque sia la tua scelta è importante inserire un invito all’azione ben chiaro, che dovrà condurre a una pagina di destinazione accattivante.

I prodotti per la pubblicità su Pinterest

Nel momento in cui inizi a pubblicare annunci sulla piattaforma, Pinterest ti mette a disposizione diversi prodotti che ti possono essere d’aiuto per raggiungere risultati migliori: formati, pubblico di destinazione e valutazione.

Formati

Puoi scegliere tra diversi formati di contenuti su Pinterest, dai pin standard ai caroselli multi-immagine.

Segui le linee guida che Pinterest ti mette a disposizione:

  • Pin standard. Per le immagini scegliere un file PNG o JEPG, la dimensione massima è di 32 MB e Pinterest consiglia di utilizzare il formato 2:3 o 1000 x 1500 pixel. Il titolo può contare fino a 100 caratteri e la descrizione fino a 500 caratteri;
  • Video a larghezza standard. I file video caricati possono essere .mp4, .mov o .mv4, la codifica H.264 o H.265. La dimensione massima del file è fino a 2 GB e la durata del video è di minimo 4 secondi e massimo 15 minuti;
  • Caroselli sponsorizzati. Il numero di immagini può essere da 2 a 5 per carosello e il tipo di file può essere PNG o JPEG. La dimensione massima del file è di 32 MB per immagine e il formato può essere 1:1 o 2:3. Anche qui il conteggio del titolo è fino a 100 caratteri e quello della descrizione fino a 500 caratteri.

Per creare Pin d’effetto ti consiglio di utilizzare Canva, a questo link puoi trovare tantissimi layout per creare bellissime locandine del formato giusto per Pinterest.

Scegli il target giusto con Pinterest

Il targeting è un elemento essenziale per permettere alla tua azienda di raggiungere milioni di persone che ogni giorno navigano su Pinterest per trovare o acquistare i tuoi prodotti/servizi.

Vediamo insieme le tre tipologie di targeting che puoi attuare per il tuo business:

  1. Targeting per interessi. Proponi i tuoi annunci agli utenti in base a ciò che suscita il loro interesse mentre navigano all’interno della loro categoria e dei loro feed home;
  2. Targeting per parole chiave. Aumenta le vendite in negozio, incrementa il traffico e promuovi l’interazione online presentando i tuoi prodotti alle persone che sono già orientate a fare la mossa successiva;
  3. Targeting di pubblico. Puoi rivolgerti all’elenco dei visitatori del tuo sito, ai clienti presenti nel tuo CMR o alle persone che hanno già interagito con il tuo marchio su Pinterest.

Monitoraggio e valutazione

Per valutare l’efficacia della tua campagna puoi usare Pinterest Analytics e una serie di strumenti di monitoraggio e validazione adatti a diversi obiettivi marketing:

  • Brand awareness. Con la misurazione del brand lift puoi monitorare metriche come il livello di fidelizzazione, la brand consideration e l’intenzione all’acquisto;
  • Brand consideration. Misura le attività online nell’app, nel punto vendita e valutane i benefici;
  • Vendite. Ti danno un’idea del valore dell’intenzione all’acquisto su Pinterest. Le puoi utilizzare per le vendite onilne e in negozio;
  • Monitoraggio e validazione. Le soluzioni di Pinterest ti permettono di misurare la viewability, verificare il pubblico e tracciare le conversioni per ogni obiettivo di marketing.

Come iniziare a pubblicare annunci

Per iniziare a pubblicare annunci su Pinterest puoi seguire diverse strade, efficaci se utilizzate nel migliore dei modi:

  • Sponsorizza un pin in pochi istanti. Utilizza la procedura semplificata di Pinterest per promuovere i pin che hai già salvato. È il metodo più veloce per pubblicare i tuoi annunci su Pinterest;
  • Crea una campagna con la Gestione annunci per creare e gestire le tue campagne dall’inizio alla fine. Puoi impostarle in base ai tuoi obiettivi di marketing e al tuo pubblico di riferimento;
  • Contatta il team commerciale di Pinterest. Puoi ricevere assistenza personalizzata, pin fatti su misura e formazioni con gli esperti della piattaforma;
  • Collabora con un partner di marketing. Pianifica, gestisci e ottimizza le tue campagne con l’aiuto di uno dei partner esterni approvati da Pinterest.

La strategia vincente di Activia e Maison du Monde

Due realtà che hanno saputo sfruttare al meglio gli annunci su Pinterest sono state Activia e Maison du Monde. Scopriamo insieme come hanno strutturato la loro strategia pubblicitaria.

Activia

Activia

La campagna di Activia ha ottenuto una percentuale di clic superiore dell’11% rispetto alle altre piattaforme

Activia ha sfruttato il targeting creativo e strategico per raggiungere un pubblico giovane e creare awareness sui nuovi prodotti.

Dopo anni di vendita basati su consumatori tra i 45 e i 55 anni Activia voleva espandere la portata complessiva del suo mercato, attirando un pubblico più giovane e pubblicizzando il nuovo prodotto Shake & Go.

Così, sapendo che Pinterest aiuta a connettersi con la giusta fascia demografica, Activia ha deciso di focalizzare la propria campagna pubblicitaria attorno alla creatività.

Sono stati utilizzati a rotazione otto pin che presentano i nuovi prodotti in ambienti luminosi ed estivi, riflettendo la vita quotidiana dei millennial.

Il team ha anche utilizzato una strategia di targeting basata sugli interessi e sulle parole chiave, in modo da raggiungere gli utenti Pinterest che erano interessati ad argomenti riguardanti cibo, nutrizione, colazione e alute.

Con questa campagna Activia ha ottenuto una percentuale di clic che ha battuto gli altri canali con un vantaggio dell’11%.

Combinando la creatività con il giusto targeting Activia è stata in grado di espandere il proprio mercato e interagire con i millennial in modo efficace.

Maison du Monde

Maison du Monde

La campagna di Maison du Monde ha raggiunto l’obiettivo di diventare una fonte di ispirazione quotidiana per l’arredamento di casa

Maison du Monde progetta, produce e vende mobili e complementi d’arredo per la casa.

A settembre 2017, l’azienda si era prefissata di diventare una fonte di ispirazione quotidiana per l’arredamento di casa.

In particolare, con il lancio del nuovo sloganLet’s create” voleva dare risalto alla combinazione divertimento-innovazione che costituisce l’anima del brand.

L’azienda ha così lanciato un concorso in cui chiedeva ai consumatori di dedicare delle bacheche a “My perfect cosy bedroom” e metteva in palio 2.500 euro sottoforma di buono da utilizzare in negozio per realizzare la camera da letto dei sogni.

La campagna ha riscosso un enorme successo sia online sia nei punti vendita.

Rispetto allo stesso periodo del mese precedente la campagna ha ottenuto:

  • Oltre 4mila nuove bacheche;
  • Oltre 100mila nuovi pin;
  • Numero di pin salvati quadruplicato;
  • Aumento del 75% del traffico sul sito web;
  • Numero di impressioni triplicato.

Perché scegliere Pinterest per fare pubblicità alla tua attività

Pinterest è il “luogo” dove le persone cercano ispirazione e decidono di realizzare i propri sogni, per trovare nuove idee e trasformarle in realtà e per fare ciò hanno bisogno anche di conoscere la tua attività.

Gli utenti che utilizzano Pinterest sono già pronte a intraprendere delle azione di acquisto, navigano nei loro feed per trovare spunti, cercano argomenti di loro interesse e fanno clic sui pin per scoprire maggiori informazioni.

Ed è proprio all’interno di questa dinamica che i tuoi contenuti possono fare proprio al caso loro.

Considera che l’83% degli utenti settimanali effettua un acquisto dopo aver visto un pin pubblicato da un’azienda.

Quindi, gli annunci di Pinterest sono adatti a ogni tipologia di azienda, grande/piccola, che opera a livello locale/internazionale.

Grazie alla varietà di prodotti pubblicitari che Pinterest ti mette a disposizione puoi presentare le tue idee e i tuoi prodotti/servizi alle persone giuste, nel momento giusto.

Una pubblicità strutturata in base ai tuoi obiettivi aziendali, al tuo pubblico di riferimento e al concept creativo che vuoi dare.

Come hai potuto leggere, i vantaggi che puoi ottenere costruendo una strategia efficace per gli annunci della tua attività su Pinterest sono molteplici.

Se stai muovendo i primi passi nel mondo di Pinterest e ti serve una mano per gestire la bacecha virtuale per eccellenza contattami nel team di AEsse Communication.


Foto di copertina: Souvik Banerjee per Unsplash.com

 
 

Seguimi su Linkedin
LinkedIn

Giorgia Bozzetti

Social Media Addicted


Scopri i
Servizi di AEsse Communication:

  • business blogging e testi professionali
  • copywriting
  • foto professionali
  • siti web responsive e mobile friendly
  • social media marketing

✉︎   info@aessecommunication.it

Giorgia   ☏   +39 340 2148 065

Seguici sui social

FacebookLinkedInPinterest social

Cosa possiamo fare per te?

Ti aiutiamo a comunicare con empatia, a gestire un sito web e a scrivere con passione.
Sara & Team

Contattaci!

E-Mail
info@aessecommunication.it

Come scrivere un post in più lingue su Facebook nel 2021

Come scrivere un post in più lingue su Facebook nel 2021

Il metodo consigliato da Facebook per scrivere un post multilingue dopo gli aggiornamenti, evitando la traduzione automatica 

Ti ricordi la comoda funzione di scrivere un post su Facebook potendo già inserire la traduzione? Dopo gli aggiornamenti del 2021, questa possibilità è scomparsa, o almeno scomparsa da dove la conoscevamo.
 
I nuovi editor di post, all’interno di Creator Studio e Business Suite, non presentano più la scritta “scrivi post in un’altra lingua”. Tra gli addetti ai lavori, questo ha scatenato il panico: come fare a scrivere un post in un’altra lingua su Facebook?!
 
Grazie a una richiesta di un collega e amico, ho fatto una ricerca approfondita e con il suo aiuto abbiamo scoperto non uno, ma ben due metodi per scrivere un post in più lingue su Facebook oggi.
 

Metodo “ufficiale”

Questo primo metodo è quello fornito dall’assistenza di Facebook: tra i due, è quello più macchinoso e che richiede più dimestichezza con la piattaforma, ma è anche garantito rispetto a nuovi aggiornamenti o modifiche.
 
Inoltre, il metodo “non ufficiale” potrebbe non essere disponibile per tutti. 
 
Procedimento:
  1. Innanzitutto parti dal Business Manager della tua pagina. 
  2. Dalla panoramica, clicca su Gestione Inserzioni“.Scrivere un post in più lingue A
  3. Dalla lista di azioni, scegli Post della pagina” all’interno della categoria “Coinvolgimento dei clienti”.Scrivere un post in più lingue B
  4. Se gestisci più pagine, a questo punto dovrai scegliere la pagina sulla quale vuoi pubblicare. 
  5. Fatto ciò, clicca su Crea Post” e comparirà una tab con l’editor di testo di una volta, che presenta il tasto dedicato. 
  6. Scrivi il post nella lingua principale (italiano, a meno che tu non ne abbia selezionata un’altra nelle impostazioni di Facebook) e poi clicca su “Scrivi post in un’altra lingua” in basso a destra.
  7. Seleziona la lingua desiderata e procedi a modificare la traduzione automatica o inserire ex novo la tua traduzione.
  8. Ora puoi salvare in bozza, programmare o pubblicare direttamente il contenuto. 
 

Metodo “ufficioso”

Un procedimento più semplice, ma che potrebbe non essere disponibile a seconda degli aggiornamenti o dei bug di Facebook.

In fase di ricerca, dal mio profilo potevo effettuare questi passaggi, mentre un mio collega no. Se vuoi utilizzare questo metodo,
non si tratta altro che verificare se per te è possibile o meno. 
 
Procedimento:
  1. Dalla tua pagina, clicca su Crea un post“. 
Scrivere un post in più lingue 2

 

2. In fondo alla tab che si aprirà, dovresti trovare la scritta Accedi a più opzioni di pubblicazione e ottieni Insights sulle prestazioni dei tuoi post in Strumenti di pubblicazione”. Se questa non appare, significa che questo metodo per te non è accessibile. 

 

Scrivere un post in più lingue 3

 

3. Clicca su Strumenti di pubblicazione” in fondo alla tab. 

4. Alla pagina che si aprirà, clicca sul bottone azzurro Crea post” in alto a destra. Si aprirà una nuova schermata. 

Scrivere un post in più lingue 4

5. Scrivi il vostro contenuto e in basso a destra troverai la dicitura Scrivi il post in un’altra lingua“. 

Scrivere un post in più lingue 5

6. Cliccate, selezionate la seconda lingua e modificate la traduzione o caricatela ex novo, come si faceva prima degli aggiornamenti. Ora potete salvare in bozza, programmare o pubblicare il vostro post. 

 
Sapendo quanto questa funzione sia importante, per tante piccole e medie imprese che non possono gestire pagine diverse per ogni lingua di destinazione, spero che questo articolo ti sia utile.
 
Condividilo con chi pensi ne abbia bisogno e, in caso di dubbi, non esitare a contattarmi.
 
Sarò felice di aiutarti, per questo o altri argomenti social. 
 
 
Se ti è piaciuto questo articolo, leggi anche:

Anna Girardi

Social Media Manager & Strategist

Scopri come posso aiutarti su:

  • gestione pagine social media
  • contenuti multimediali
  • campagne Ads

Anna  +39 346 6072 387

✉︎ girardi.annasm@gmail.com

Seguimi sui social

LinkedIn  InstagramFacebook

10 + 1 cose che (forse) non sai sui social media

10 + 1 cose che (forse) non sai sui social media

Curiosità, trivia e aneddoti interessanti che ti stupiranno!

Tutti noi utilizziamo i social, chi più chi meno, ma sapete quanti siamo a usufruire di questi canali? Sapete qual è la foto con più like in assoluto su Instagram?
 
Ecco 10 + 1 curiosità sui social (e in particolare su Facebook e Instagram), per stupire i vostri vicini di ombrellone o i vostri colleghi in pausa caffé.
 
 

Facebook

 

Curiosità sui social in numeri

1.Nel mondo ci sono quasi 3 miliardi e mezzo di utenti social attivi e viene creato un nuovo account ogni 6,4 secondi. Cosa succederà nei prossimi anni?

2.Un utente ha in media 7,6 account social e passa circa 142 minuti al giorno sui social. Se vi sembrano tanti, ricordate che questa è una media: c’è chi lo guarda per 10 minuti alla settimana e chi ci passa ore ogni giorno.

3.Più della metà (59%) dei Millennials (nati tra il 1981 e il 1994) e dei GenZ (nati tra il 1995 e il 2010) dichiarano di essere “molto consapevoli” delle fake news riguardo il COVID-19 e sono in grado di individuarle nella maggior pare delle volte (secondo un sondaggio della World Health Organization). Questa è davvero un’ottima notizia: le fake news hanno trovato terreno fertile nei social e saperle riconoscere è molto utile per arrestarne la diffusione.

4.Il 74% degli utenti di Facebook controlla il suo profilo ogni giorno. I momenti di attesa sono i preferiti: in coda, in ascensore, sul tram…

5.Un utente Facebook passa sul social blu in media 59 minuti al giorno.

Instagram

 

6.Su Facebook, vengono caricate 300 milioni di foto ogni giorno. Se non fosse chiaro che siamo ormai totalmente nella società delle immagini.

7.Circa 1,7 miliardi di account utiizzano le Instagram stories ogni giorno. Si calcola che circa l’80% degli utenti guardi di preferenza le stories rispetto ai post.

8.Ogni giorno su instagram vengono caricate 95 milioni di foto. Sì, hai letto bene: MILIONI.

9.Finora, sono state condivise su Instagram circa 40 miliardi di foto in totale.

10.La foto con più like – in assoluto – su Instagram è la foto di un uovo, che ha ricevuto più di 55 milioni di like. La vicenda è curiosa: è nata come una scommessa, ma di fatto questa semplice foto con sfondo bianco e un uovo in primo piano è ormai nel World Guinness Record.

 

Influence marketing

 

11.L’influencer marketing ha raggiunto un giro di affari che supera quello della pubblicità su carta stampata. Vale davvero la pena considerare questa attività di marketing nel vostro piano di comunicazione.

 

Fonte dati: Perzonalization.com

Vuoi saperne di più sui social? Ti interessa utilizzarli come strumento di business? Contattami, sono sempre a disposizione per una call conoscitiva gratuita.

Se ti è piaciuto questo articolo, leggi anche:

 

Anna Girardi

Social Media Manager & Strategist

Scopri come posso aiutarti su:

  • gestione pagine social media
  • contenuti multimediali
  • campagne Ads

Anna  +39 346 6072 387

✉︎ girardi.annasm@gmail.com

Seguimi sui social

LinkedIn  InstagramFacebook

Show Buttons
Hide Buttons