Fare pubblicità su Pinterest: scopri come costruire una strategia vincente per la tua attività

Fare pubblicità su Pinterest: scopri come costruire una strategia vincente per la tua attività

Pinterest può essere la piattaforma ideale su cui fare pubblicità alla tua attività. Scegli il tuo obiettivo di marketing, utilizza i prodotti di Pinterest e inizia a pubblicare annunci.

Pinterest può essere di aiuto alla tua attività perché sulla piattaforma puoi condividere le tue idee e i tuoi prodotti con chi è in cerca di ispirazione.

Sono ben 300 milioni le persone che utilizzano Pinterest, la bacheca virtuale per eccellenza: sono alla ricerca di ispirazione e vogliono sperimentare nuove idee.

Bisogna, però, riuscire a farsi riconoscere. Ma come fare?

Fare pubblicità della tua attività su Pinterest può essere la soluzione giusta per te!

Scopriamo insieme come creare un account per la tua attività e come costruire una pubblicità strategica su Pinterest.

 

Come creare un account aziendale

Pinterest

Pinterest: creare un profilo business è indispensabile per promuovere la tua attività

 

Per riuscire ad avere successo su Pinterest ed iniziare ad utilizzare gli strumenti di marketing messi a disposizione dalla piattaforma è fondamentale creare un account business.

Che cos’è?

È un account gratuito che ti permette di:

  • Avere un profilo aziendale completo;
  • Accedere a dati analitici;
  • Monitorare fattori chiave come il branding e l’attribuzione dei contenuti.

Una volta che hai creato il tuo account aziendale o hai convertito il tuo account personale già esistente è importante che completi il tuo profilo con:

  • Foto profilo;
  • Posizione;
  • Info utili;
  • Verifica del tuo sito web.

Una volta che hai acquisito le basi puoi iniziare ad inserire degli strumenti utili sul tuo sito:

  1. Widget Pinterest: strumento attraverso cui è più facile per le persone interagire con i contenuti che la tua attività pubblica su Pinterest. Puoi integrare i pin del tuo business account sul tuo sito web;
  2. Pulsante Salva: aiuta le persone a salvare i pin in modo diretto dal sito web della tua attività;
  3. Pulsante Segui: consente alle persone di seguire il profilo Pinterest della tua attività con un semplice clic;
  4. Tag di Pinterest: ti aiuta a capire come le persone interagiscono con il tuo sito web dopo aver visto i tuoi annunci di Pinterest.

Scegli un obiettivo di marketing

Nel pianificare la tua pubblicità su Pinterest è importante scegliere e definire un obiettivo di marketing: consolida la conoscenza del brand, aumenta la brand consideration e incrementa le vendite.

Consolida la conoscenza del brand

Pinterest può aiutarti a raggiungere gli utenti nel momento in cui stanno per decidere il loro prossimo acquisto o la loro mossa successiva.

Devi riuscire a far arrivare il tuo messaggio alle persone e aiutarle a prendere decisioni sicure e consapevoli.

Le soluzioni di marketing di Pinterest ti permettono di realizzare campagne per aumentare la brand awareness e lanciare nuovi prodotti con la massima efficacia.

Segui alcuni consigli creativi per ottenere i risultati migliori:

  • Adegua i tuoi contenuti a occasioni particolari o eventi stagionali. Proponi immagini di momenti speciali della vita o legate a eventi stagionali rende i tuoi pin creativi, pertinenti e riconoscibili;
  • Sottolinea l’unicità del tuo prodotto/servizio. Fai sapere agli utenti che la tua attività si occupa di qualcosa di davvero speciale da condividere;
  • Usa la descrizione del pin per dare maggiore contesto e rafforzare il brand. Il campo della descrizione ti aiuta a contestualizzare il pin e a fornire maggior dettagli, mettendo in luce le informazioni più importanti.

Aumenta la brand consideration

Altro obiettivo a cui la tua attività può puntare su Pinterest è quello di aumentare la brand consideration.

Raggiungere le persone quando stanno per prendere una decisione e spingerle a compiere il passo successivo.

Per fare ciò hai a disposizione due soluzioni:

  1. Incrementa il traffico. Gli annunci di Pinterest ti aiutano ad aumentare il traffico su un’altra pagina della piattaforma o su un sito esterno dove i tuoi utenti troveranno maggiori informazioni sui tuoi prodotti/servizi;
  2. Aumenta i download della tua app. Con i pin sponsorizzati gli utenti possono scaricare la tua app in modo diretto da Pinterest e tu puoi raggiungere il tuo pubblico di riferimento, aumentando così il numero di installazioni.

Incrementa le vendite

Di sicuro da imprenditore vuoi che le persone che arrivano sul tuo sito compiano un’azione ben precisa, di acquisto. Le campagne di conversione in questo ti possono essere d’aiuto.

Le campagne di conversione ti aiutano a raggiungere i tuoi obiettivi di performance e in questo tipo di strategia la chiave di tutto è il rendimento.

Per raggiungere i tuoi obiettivi di conversione hai a disposizione diversi formati di annunci come pin sponsorizzati, video o caroselli sponsorizzati.

Qualunque sia la tua scelta è importante inserire un invito all’azione ben chiaro, che dovrà condurre a una pagina di destinazione accattivante.

I prodotti per la pubblicità su Pinterest

Nel momento in cui inizi a pubblicare annunci sulla piattaforma, Pinterest ti mette a disposizione diversi prodotti che ti possono essere d’aiuto per raggiungere risultati migliori: formati, pubblico di destinazione e valutazione.

Formati

Puoi scegliere tra diversi formati di contenuti su Pinterest, dai pin standard ai caroselli multi-immagine.

Segui le linee guida che Pinterest ti mette a disposizione:

  • Pin standard. Per le immagini scegliere un file PNG o JEPG, la dimensione massima è di 32 MB e Pinterest consiglia di utilizzare il formato 2:3 o 1000 x 1500 pixel. Il titolo può contare fino a 100 caratteri e la descrizione fino a 500 caratteri;
  • Video a larghezza standard. I file video caricati possono essere .mp4, .mov o .mv4, la codifica H.264 o H.265. La dimensione massima del file è fino a 2 GB e la durata del video è di minimo 4 secondi e massimo 15 minuti;
  • Caroselli sponsorizzati. Il numero di immagini può essere da 2 a 5 per carosello e il tipo di file può essere PNG o JPEG. La dimensione massima del file è di 32 MB per immagine e il formato può essere 1:1 o 2:3. Anche qui il conteggio del titolo è fino a 100 caratteri e quello della descrizione fino a 500 caratteri.

Scegli il target giusto con Pinterest

Il targeting è un elemento essenziale per permettere alla tua azienda di raggiungere milioni di persone che ogni giorno navigano su Pinterest per trovare o acquistare i tuoi prodotti/servizi.

Vediamo insieme le tre tipologie di targeting che puoi attuare per il tuo business:

  1. Targeting per interessi. Proponi i tuoi annunci agli utenti in base a ciò che suscita il loro interesse mentre navigano all’interno della loro categoria e dei loro feed home;
  2. Targeting per parole chiave. Aumenta le vendite in negozio, incrementa il traffico e promuovi l’interazione online presentando i tuoi prodotti alle persone che sono già orientate a fare la mossa successiva;
  3. Targeting di pubblico. Puoi rivolgerti all’elenco dei visitatori del tuo sito, ai clienti presenti nel tuo CMR o alle persone che hanno già interagito con il tuo marchio su Pinterest.

Valutazione

Per valutare l’efficacia della tua campagna puoi usare Pinterest Analytics e una serie di strumenti di monitoraggio e validazione adatti a diversi obiettivi marketing:

  • Brand awareness. Con la misurazione del brand lift puoi monitorare metriche come il livello di fidelizzazione, la brand consideration e l’intenzione all’acquisto;
  • Brand consideration. Misura le attività online nell’app, nel punto vendita e valutane i benefici;
  • Vendite. Ti danno un’idea del valore dell’intenzione all’acquisto su Pinterest. Le puoi utilizzare per le vendite onilne e in negozio;
  • Monitoraggio e validazione. Le soluzioni di Pinterest ti permettono di misurare la viewability, verificare il pubblico e tracciare le conversioni per ogni obiettivo di marketing.

Come iniziare a pubblicare annunci

Per iniziare a pubblicare annunci su Pinterest puoi seguire diverse strade, efficaci se utilizzate nel migliore dei modi:

  • Sponsorizza un pin in pochi istanti. Utilizza la procedura semplificata di Pinterest per promuovere i pin che hai già salvato. È il metodo più veloce per pubblicare i tuoi annunci su Pinterest;
  • Crea una campagna con la Gestione annunci per creare e gestire le tue campagne dall’inizio alla fine. Puoi impostarle in base ai tuoi obiettivi di marketing e al tuo pubblico di riferimento;
  • Contatta il team commerciale di Pinterest. Puoi ricevere assistenza personalizzata, pin fatti su misura e formazioni con gli esperti della piattaforma;
  • Collabora con un partner di marketing. Pianifica, gestisci e ottimizza le tue campagne con l’aiuto di uno dei partner esterni approvati da Pinterest.

La strategia vincente di Activia e Maison du Monde

Due realtà che hanno saputo sfruttare al meglio gli annunci su Pinterest sono state Activia e Maison du Monde.

Scopriamo insieme come hanno strutturato la loro strategia pubblicitaria.

Activia

Activia

La campagna di Activia ha ottenuto una percentuale di clic superiore dell’11% rispetto alle altre piattaforme

 

Activia ha sfruttato il targeting creativo e strategico per raggiungere un pubblico giovane e creare awareness sui nuovi prodotti.

Dopo anni di vendita basati su consumatori tra i 45 e i 55 anni Activia voleva espandere la portata complessiva del suo mercato, attirando un pubblico più giovane e pubblicizzando il nuovo prodotto Shake & Go.

Così, sapendo che Pinterest aiuta a connettersi con la giusta fascia demografica, Activia ha deciso di focalizzare la propria campagna pubblicitaria attorno alla creatività.

Sono stati utilizzati a rotazione otto pin che presentano i nuovi prodotti in ambienti luminosi ed estivi, riflettendo la vita quotidiana dei millennial.

Il team ha anche utilizzato una strategia di targeting basata sugli interessi e sulle parole chiave, in modo da raggiungere gli utenti Pinterest che erano interessati ad argomenti riguardanti cibo, nutrizione, colazione e alute.

Con questa campagna Activia ha ottenuto una percentuale di clic che ha battuto gli altri canali con un vantaggio dell’11%.

Combinando la creatività con il giusto targeting Activia è stata in grado di espandere il proprio mercato e interagire con i millennial in modo efficace.

Maison du Monde

Maison du Monde

La campagna di Maison du Monde ha raggiunto l’obiettivo di diventare una fonte di ispirazione quotidiana per l’arredamento di casa

 

Maison du Monde progetta, produce e vende mobili e complementi d’arredo per la casa.

A settembre 2017, l’azienda si era prefissata di diventare una fonte di ispirazione quotidiana per l’arredamento di casa.

In particolare, con il lancio del nuovo sloganLet’s create” voleva dare risalto alla combinazione divertimento-innovazione che costituisce l’anima del brand.

L’azienda ha così lanciato un concorso in cui chiedeva ai consumatori di dedicare delle bacheche a “My perfect cosy bedroom” e metteva in palio 2.500 euro sottoforma di buono da utilizzare in negozio per realizzare la camera da letto dei sogni.

La campagna ha riscosso un enorme successo sia online sia nei punti vendita.

Rispetto allo stesso periodo del mese precedente la campagna ha ottenuto:

  • Oltre 4mila nuove bacheche;
  • Oltre 100mila nuovi pin;
  • Numero di pin salvati quadruplicato;
  • Aumento del 75% del traffico sul sito web;
  • Numero di impressioni triplicato.

 

Perché scegliere Pinterest per fare pubblicità alla tua attività

Pinterest è il “luogo” dove le persone cercano ispirazione e decidono di realizzare i propri sogni, per trovare nuove idee e trasformarle in realtà e per fare ciò hanno bisogno anche di conoscere la tua attività.

Gli utenti che utilizzano Pinterest sono già pronte a intraprendere delle azione di acquisto, navigano nei loro feed per trovare spunti, cercano argomenti di loro interesse e fanno clic sui pin per scoprire maggiori informazioni.

Ed è proprio all’interno di questa dinamica che i tuoi contenuti possono fare proprio al caso loro. Considera che l’83% degli utenti settimanali effettua un acquisto dopo aver visto un pin pubblicato da un’azienda.

Quindi, gli annunci di Pinterest sono adatti a ogni tipologia di azienda, grande/piccola, che opera a livello locale/internazionale.

Grazie alla varietà di prodotti pubblicitari che Pinterest ti mette a disposizione puoi presentare le tue idee e i tuoi prodotti/servizi alle persone giuste, nel momento giusto.

Una pubblicità strutturata in base ai tuoi obiettivi aziendali, al tuo pubblico di riferimento e al concept creativo che vuoi dare.

Come hai potuto leggere, i vantaggi che puoi ottenere costruendo una strategia efficace per gli annunci della tua attività su Pinterest sono molteplici.

Se stai muovendo i primi passi nel mondo di Pinterest e non sai come muoverti o ti serve una mano per gestire la bachecha virtuale per eccellenza contattami pure nel team di AEsse Communication.

 

Articolo a cura di Giorgia Bozzetti
AEsse Communication
__________________

Seguimi su Linkedin
LinkedIn

Giorgia Bozzetti

Social Media Addicted

Scopri i Servizi di AEsse Communication:

  • business blogging e testi professionali
  • copywriting
  • foto professionali,
  • siti web responsive e mobile friendly
  • social media marketing

✉︎   info@aessecommunication.it

Giorgia   ☏   +39 340 2148 065

Seguici sui social

Icona FacebookLinkedInPinterest social

LinkedIn: 4 motivi per utilizzare il social e ampliare la tua community

LinkedIn: 4 motivi per utilizzare il social e ampliare la tua community

LinkedIn è un social dove proporsi professionalmente, pubblicare articoli e condividere approfondimenti. Con la costanza e la specificità dei tuoi contenuti puoi raggiungere l’obiettivo di entrare in relazione con i componenti della tua community.

LinkedIn dovrebbe sicuramente far parte del mix di social media marketing della tua professione e della tua azienda.

Il social, nato nel 2003 con lo slogan Relationships Matter, le relazioni contano, offre un’opportunità preziosa per entrare in contatto con leader aziendali, opinionisti e professionisti del tuo settore di competenza.

LinkedIn serve, inoltre, al tuo potenziale cliente per capire cosa puoi fare per lui in base alle competenze elencate nel curriculum vitae online della piattaforma.

Un altro aspetto utile a chi si iscrive è la presenza del Blog, dove puoi pubblicare articoli inerenti agli aspetti della tua professione o condividere scritti di altri colleghi.

Ciò rende LinkedIn un’interessante trampolino di lancio per farsi conoscere.

È una rete composta da profili personali dove chi si iscrive ha l’obiettivo di scambiare punti di vista e far sentire così la propria “voce”.

Ecco perché le Company page (profili aziendali) trovano più difficoltà ad ampliarsi su LinkedIn: il social stesso è nato per trattare con le persone. Il brand, pertanto, riscuote seguito con più difficoltà.

Il rapporto di seguito tra profilo personale e pagina aziendale è 90 a 10. Un bel divario.

Elementi essenziali di LinkedIn

In questo canale risultano essenziali 3 elementi:

  • centralità del profilo;
  • il blog;
  • creare un fattore differenziante.

Il passo fondamentale, pero’, è quello di convicere l’utente che ti segue a iscriversi alla tua newletter, scaricare un e-book o, meglio ancora, riuscire a fissare un appuntamento telefonico o una Skipe-call conoscitiva.

La relazione inizia dal social media ma si deve concretizzare fuori dal social, con l’incontro e il confronto diretto.

Vediamo ora quattro consigli su come usare al meglio LinkedIn.

1. Utilizzare LinkedIn come strumento di rete

LinkedIn è uno straordinario strumento di rete.

Per sfruttare appieno le funzionalità di rete di LinkedIn, ti consiglio di fare tre cose:

  • Crea un profilo ben strutturato (foto, nome e cognome, head line sono gli elementi visti per primi);
  • Interagisci con gli altri;
  • Connettiti con il tuo target di riferimento.

Entra in contatto con colleghi e amici che conosci, insieme ad altre persone che non conosci.

Ma ricorda che devi porti con il seguente concetto: dove c’è un problema devi cercare una soluzione che sia vantaggiosa per l’utente che ti segue.

Al tuo lettore interessa trovare una soluzione alla sua necessità che in quel momento deve essere risolta: solo così lui si ricorderà di te.

Segui il blog di qualcuno o un magazine online? Connettiti sul profilo o sulla pagina di LinkedIn.

Hai una società per cui vorresti lavorare? Inizia a connetterti e interagire con persone di quella società.

Cerchi nuove opportunità di lavoro o desideri generare contatti? Accetta tutte le nuove richieste di connessione.

Mantieni il tuo profilo impostato come pubblico e sii sempre aperto alla connessione: non sai mai quali opportunità puo’ generare la tua rete di LinkedIn.

Crea un profilo personale e/o una pagina aziendale

Non è sufficiente solo connettersi.

Dovresti anche investire tempo nel tuo profilo personale e/o della tua pagina aziendale.

In pratica, ciò significa:

  • Scrivi un’introduzione precisa ma breve e priva di tecnicismi che distingue te o il tuo business.
  • Usa una foto dall’aspetto professionale per il profilo personale e un logo leggibile per la pagina aziendale.
  • Se usi una foto di intestazione, mantienila nelle dimensioni corrette e le immagini pulite.
  • Compila tutti i campi presenti.
  • Allega file multimediali, inclusi post di blog, video, infografiche che siano interessanti e coinvolgenti.

Crea un profilo solido che offra ai lettori una chiara comprensione di chi sei, completo di informazioni di contatto e passaggi successivi (per es. come condurre il lettore al tuo sito Web).

Interagisci con i contenuti di altre persone

Utilizzare LinkedIn come una sola piattaforma di pubblicazione non è sufficiente: è essenziale interagire con gli altri e creare connessioni significative se si desidera sfruttare appieno il potenziale di rete di LinkedIn.

Oltre a condividere i tuoi contenuti, commenta attentamente i contenuti di altre persone. Quando pubblichi i tuoi contenuti, assicurati di rispondere ai commenti.

Poni domande e scatena discussioni.

Partecipa a gruppi di LinkedIn pertinenti alla tua attività.

2. Utilizzare LinkedIn come piattaforma di pubblicazione

LinkedIn è una risorsa eccellente per i creatori di contenuti.

Non solo puoi pubblicare aggiornamenti di stato e link ai contenuti del tuo sito, ma puoi anche utilizzare LinkedIn come piattaforma di pubblicazione nativa e creare contenuti esclusivi per il tuo pubblico di LinkedIn.

LinkedIn è l’unica rete di social media che puoi utilizzare come piattaforma di pubblicazione per articoli.

Ti starai chiedendo: perché pubblicare su LinkedIn invece di pubblicare direttamente sul mio blog o sito Web?

Buona domanda.

La pubblicazione di un articolo su LinkedIn riguarda il coinvolgimento social su LinkedIn e la creazione di consapevolezza del marchio, piuttosto che indirizzare il traffico sul tuo sito in particolare.

Ogni volta che pubblichi un articolo su LinkedIn, tutte le tue connessioni vengono avvisate e questo è un enorme vantaggio.

LinkedIn fornisce anche analisi per tutti gli articoli che crei, quindi è facile determinare quali articoli ottengono più visibilità.

3. Utilizzare LinkedIn per la gestione della reputazione online

La prima regola della gestione della reputazione online è quella di avere il controllo su tutti i risultati che arrivano sulla prima pagina dei risultati di ricerca di Google quando qualcuno cerca il nome della tua attività.

Ovviamente vuoi classificare i contenuti del tuo sito, ma è anche consigliabile rivendicare tutti i profili social che gestisci nel nome della tua attività, anche se non prevedi di essere estremamente attivo su di essi.

Questo perché i profili dei social media, incluso un profilo LinkedIn, vengono quasi sempre visualizzati nella prima pagina dei risultati dei motori di ricerca per il nome di un’azienda (o di una persona).

A tal fine, assicurati di creare una pagina aziendale per la tua azienda, se non altro per rivendicare quel posto prezioso sulla SERP.

In questo modo, se dovessi avere cattiva pubblicità, il tuo sito Web e i profili dei social media spingeranno qualsiasi cosa negativa nella seconda pagina.

4. Generare lead, generare conversioni

Sia che la tua attività sia B2B o B2C, puoi generare lead e generare conversioni su LinkedIn.

Considera quanto segue:

  • Gli utenti di LinkedIn hanno potere d’acquisto: il 44% guadagna più di $ 75.000 in un anno.
  • Se hai un prodotto da vendere, troverai persone che possono acquistare su LinkedIn.
  • Puoi trovare nuovi clienti tramite LinkedIn: 40 milioni di utenti di LinkedIn sono in posizioni decisionali di rilievo e potrebbero essere interessati al tuo prodotto.

Che tu stia cercando di far crescere la tua rete, gestire la tua reputazione online, indirizzare il prezioso traffico social sul tuo sito o trovare e coltivare lead, LinkedIn è uno strumento estremamente utile per la tua attività.

Anche se investi più tempo in altri social network, dovresti creare una pagina LinkedIn per la tua attività e iniziare a esplorare queste opportunità.

Il pubblico di ogni azienda è unico e potresti scoprire di avere un enorme coinvolgimento grazie a LinkedIn.

L’unico modo per scoprirlo è iniziare a investirci più tempo.

Un tuo progetto è pur sempre un momento di crescita e l’aspetto digital è oramai una parte integrante della nostra realtà quotidiana.

Buon lavoro e, se ti serve un consiglio, scrivimi pure. Il confronto genera energia positiva.

Leggi anche:

 

Articolo a cura di Nicola Albi
AEsse Communication

**************************

Seguimi

LinkedIn

Nicola Albi

Consulente Marketing

Scopri i Servizi di AEsse Communication:

  • business blogging e testi professionali
  • copywriting
  • foto professionali
  • siti web responsive e mobile friendly
  • social media marketing

✉︎   info@aessecommunication.it

Servizi di Comunicazione digitale:
Nicola   ☏   +39 349 8058 016

Seguici sui social

LinkedIn  FacebookPinterest social

Brand Awareness: identità, riconoscibilità e fiducia. 7 consigli per farsi amare dal proprio target

Brand Awareness: identità, riconoscibilità e fiducia. 7 consigli per farsi amare dal proprio target

Brand identity, brand awareness e brand reputation sono tre concetti collegati come tasselli di un puzzle. Lavorare su di essi è un investimento a lungo termine.

Con il termine brand awareness si definisce la notorietà di un marchio rispetto a un determinato target, gruppo di potenziali clienti ai quali un’azienda vuole vendere i propri prodotti o servizi. 

Indica cioè come si posiziona un brand all’interno del pubblico di riferimento.

Il concetto di brand awareness è molto importante, in quanto contribuisce ad aumentare il senso di familiarità e fiducia nei confronti dei prodotti.

Vediamo più in dettaglio da cosa dipende, alcune tecniche per migliorarla e quali sono gli indicatori per la sua misurazione.

Brand Identity

Consapevolezza del Brand: il concetto di brand awareness è collegato a quello di brand identity

 

Cos’è la Brand Awareness: significato

In parole semplici, la brand awareness è:

  • il grado di conoscenza di un marchio;
  • la capacità di ricordarlo (brand recall);
  • la capacità di collegarlo ai suoi prodotti o servizi (brand recognition).

Il concetto di brand awarness è collegato all’autorevolezza della brand Identity che un’azienda ottiene quando conquista una solida identità nel mercato.

Una forte brand awareness permette ai consumatori di riconoscere il brand anche solo dal logo e dai suoi colori.

Una brand awareness positiva costituisce dunque un indicatore del successo aziendale ed è per questo che uno degli obiettivi principali delle campagne di marketing è incrementarla con lo scopo che l’identità aziendale si allinei a una determinata riconoscibilità. 

Il  concetto di brand awareness non riguarda solo la diffusione quantitativa nel target di riferimento, ma anche la capacità di trasferire valori, che si trasformano in emozioni e senso di appartenenza agli occhi del consumatore.

La Piramide di David Aaker

David Aaker, economista statunitense ed esperto di marketing, afferma che una marca è:

“Un set di attività collegate ad un segno distintivo (marchio, nome, logo) che si aggiungono al valore generato da un prodotto o servizio”.  

Aaker ha individuato 4 concetti collegati al riconoscimento dell’identità di un brand:

  • Brand come Prodotto: consiste nell’identificazione con il prodotto, attributi del prodotto, la qualità o il valore del prodotto, il suo utilizzo, gli utenti e il paese di origine.
  • Brand come Organizzazione: consiste nell’insieme degli elementi organizzativi e lavori locali contro certe attività complessive.
  • Brand come Personalità è rappresentato dal carattere del brand e dal modo in cui si relaziona con i clienti.
  • Brand come Simbolo: consiste nell’immaginario audio e visivo, simboli metaforici e l’insieme dei marchi che riunisce.

Per valutare come un’azienda sta diffondendo la propria immagine e i propri valori tra il pubblico, Aaker ha costruito una piramide, mettendo in luce i livelli di brand awareness che un’azienda può raggiungere.

Brand Awareness

Piramide di Aaker: livelli di conoscenza di un marchio

Alla base troviamo l’assenza di conoscenza: è il momento in cui un’azienda è completamente sconosciuta a tutti i suoi potenziali clienti. 

Il primo livello rappresenta la conoscenza superficiale del marchio: il nome aziendale inizia a diffondersi dall’anonimato e nel target di riferimento c’è un livello di conoscenza superficiale.

Il secondo livello rappresenta la conoscenza forte: il marchio possiede un livello di conoscenza abbastanza forte, tale da essere collegato dal target di riferimento che cerca servizi o prodotti inerenti quel settore.

Apice della piramide: il brand raggiunge il Top of Mind. Il brand è cioè riconosciuto dalle persone e l’immagine di brand viene alla mente quando si cerca un prodotto o servizio inerente il campo aziendale.

Come aumentare la Brand Awareness

Come ho anticipato, il concetto di brand awareness è collegato a quello di brand identity, a sua volta costituita da vari fattori interconessi, come tasselli di un puzzle.

Per aumentare la conoscenza del tuo brand devi lavorare in modo proficuo su ognuno di essi.

1. Pensa alla tua Buyer Persona

Abbiamo già parlato dell’importanza del concetto di buyer persona affinché le iniziative di marketing abbiano successo.

Questo perché definire le Buyer Persona significa scoprire gli insight d’acquisto, elementi che motivano la decisione d’acquisto in quanto spiegano cosa pensano e cosa fanno i potenziali clienti quando cercano una soluzione a un loro problema.

Ogni strategia di brand awareness dovrebbe inoltre cominciare col verificare l’impressione che lascia il brand alle buyer persona, per comprendere se c’è un divario tra il messaggio che vogliamo inviare e quello che viene recepito.

2. Lavora sui contenuti e scegli bene dove posizionarli

Nell’inbound marketing, la brand awareness comincia quando un visitatore arriva per la prima volta sul tuo sito per leggere un contenuto informativo utile che ha trovato online.

L’inbound marketing è cioè quel modo di fare marketing che mira ad attrarre i clienti con l’obiettivo di intercettare i bisogni delle persone per dare loro delle risposte che soddisfino le loro necessità.

Per aumentare la brand awareness è necessario dunque creare con costanza contenuti di qualità e in grado di aiutare il target che vuoi raggiungere.

Inoltre, nella prima fase di una strategia di brand awareness è utile individuare dove va il tuo pubblico per informarsi: piattaforme, siti web, pubblicazioni, social, recensioni o altro.

Poi, pianifica i contenuti sul blog aziendale del tuo sito web e sui social media in modo che il tuo pubblico trovi tutto ciò di cui ha bisogno per acquistare.

3. Usa i social per creare fiducia

Dare il giusto valore ai social media nella tua strategia di marketing online è fondamentale, perché è proprio grazie ai social (Facebook in Italia è il più usato, Instagram è in continua ascesa e TikTok si rivela uno strumento utile per intercettare i giovani) che il tuo pubblico target ha più opportunità di accedere al tuo sito.

Anche la creazione di un gruppo Facebook sul marchio consente di mettere in pratica un meccanismo di collaborazione efficace a vantaggio della brand awareness: gli utenti chiedono consigli e il brand fornisce tutte le risposte necessarie.

Leggi: Le Community: cosa sono e come si gestiscono

4. Stringi delle partnership o usa l’influencer marketing

Puoi affidarti a persone leader del tuo settore che possono avere interesse a collaborare, per aumentare la loro visibilità.

Se la tua attività è B2C, ti consiglio inoltre di curare molto le recensioni dei tuoi prodotti. Più ne hai e più sono positive, più i nuovi clienti si sentiranno al sicuro e ti sceglieranno.

Potresti anche lavorare con gli influencer e, se sai scegliere chi gode di autorevolezza e credibilità, potresti riuscire ad aumentare le vendite.

Se lavori nel settore del turismo leggi: Influencer marketing e turismo: un legame vincente per la strategia marketing della tua destinazione turistica

5. Comunica con lo Storytelling

Raccontarsi con lo storytelling ti permette di parlare della tua attività puntando alle emozioni dell’utente.

Creando uno schema narrativo in cui l’utente possa trovare qualcosa per riconoscersi o orientarsi lo avvicini al racconto e al prodotto. Lo storytelling sa coinvolgere il lettore come nessun’altra tecnica di comunicazione.

Questo perché utilizza modelli psicologici universali (ad esempio il padre di famiglia, l’avventuriero, il guaritore o altro) che facilitano la riconoscibilità e l’identificazione da parte della tua audience.

Per fare storytelling visivo con Instagram leggi: Visual storytelling: come raccontare la storia del tuo brand con le immagini

6. Accompagna l’utente a iscriversi alla tua newsletter

La brand awareness ha i suoi tempi per affermarsi e ci possono volere mesi o anni per entrare nella testa dei tuoi potenziali clienti.

Per questo motivo il mio consiglio è quello di cercare di aumentare il tuo seguito e i tuoi contatti (lead generation).

Metti a loro disposizione un contenuto gratuito o un incentivo per invogliare i tuoi lettori a iscriversi alla newsletter o a lasciarti la loro email.

Se riesci a convertire i visitatori in contatti email, puoi inviare loro contenuti con cadenza regolare: in questo modo il tuo brand verrà assorbito nella loro mente e ricordato.

Ci vuole tempo e impegno, lo so, ma non ci sono scorciatoie per farsi ricordare e poi scegliere dai potenziali clienti.

7. Cura la tua Brand Reputation

La brand reputation (o web reputation) rappresenta ciò che si dice del tuo brand sul web.

Costruire una buona reputazione è un investimento a lungo termine dove intervengono vari fattori: dalle aspettative create alla fiducia sul brand al rapporto che si crea con le persone.

Avere una buona reputazione su internet significa dunque aumentare le opportunità di orientare una scelta in modo che la tua attività ne tragga vantaggio.

Per conoscere come si forma, cosa influisce sulla tua reputazione e quanto sia importante monitorarla leggi: Brand Reputation: come monitorare la propria reputazione nell’era delle rencensioni online.

Come misurare la Brand Awareness

La brand awareness è collegata ai concetti di:

  • brand recall, richiamo del marchio,
  • brand recognition, riconoscimento del brand.

Entrambi gli indicatori sono misurabili con dei test.

Con i test di brand recall si chiede ai partecipanti quali marche ricordano se pensano a una determinata categoria di prodotto o a un servizio. 

Il marchio che si posiziona al primo posto è detto top of mind (vedi Piramide di Aaker): identifica il marchio più facilmente ricordato e dunque con un livello di brand awareness alto e desiderabile.

Con i test di brand recognition si mostrano invece ai consumatori dei simboli distintivi del marchio come nome o logo e si traggono conclusioni dalla facilità con cui i partecipanti sono in grado di riconoscere la marca e collegarla al prodotto di riferimento.

Concludendo, secondo il mio parere, il contenuto rimane l’elemento fondamentale su cui puntare energie e budget.

“Content is king” dunque, per far crescere il proprio business e differenziarsi nel rumore della Rete.

Ma questo non basta: i progetti devono essere supportati dai social, con le tecniche del Social Media Marketing.

Creare una community rivolta ad aggregare il pubblico di riferimento e gestire una fase di Inbound marketing ovvero “l’arte di portare il contenuto dinanzi ai giusti lettori nel momento opportuno e nel posto opportuno” sono tecniche fondamentali oggi per catturare la propria audience (creando engagement).

Se hai qualche domanda per approfondire questo argomento o se ti serve aiuto per meglio gestire il blog del tuo sito web contattami.

Con piacere e senza impegno.

 

Articolo a cura di Sara Soliman
AEsse Communication

**************************

Seguimi

LinkedIn

Sara Soliman

Copywriter

Scopri i Servizi di AEsse Communication:

  • business blogging e testi professionali
  • copywriting
  • foto professionali
  • siti web responsive e mobile friendly
  • social media marketing

✉︎   info@aessecommunication.it

Servizi di Comunicazione digitale:
Nicola   ☏   +39 349 8058 016

Seguici sui social

LinkedIn  FacebookPinterest social

TikTok: il social più popolare per i video di breve durata. Scopri come può essere un vantaggio per la tua attività sul web

TikTok: il social più popolare per i video di breve durata. Scopri come può essere un vantaggio per la tua attività sul web

TikTok è il social di tendenza per video brevi da smartphone. È la piattaforma che veicola più traffico di qualunque altro social, soprattutto per la Generazione Z, accaniti consumatori di video.
Per le aziende il team di Tik Tok ha pensato a delle soluzioni interessanti. Vedi l’esempio di Amazon Prime Video Italia e Maybelline.

 

 

TikTok è la piattaforma social più utilizzata dalla “Generazione Z”, coloro che sono nati dal 1995 al 2010.

App che permette di creare brevi video della durata tra i 15 e i 60 secondi con musica ed effetti, ad oggi sta cercando di allargare la propria community, indirizzandosi anche verso utenti più grandi d’età.

Nel 2019 l’app di TikTok si è diffusa in tutto il mondo, raggiungendo 63 milioni di installazioni nel mese di agosto e ad oggi ha superato i 40 milioni di utenti attivi giornalieri a livello globale (dati LearnBonds, società di analisi finanziarie e trading online di Londra).

In Italia l’applicazione viene utilizzata per la maggior parte dei casi dai nativi digitali ma nell’ultimo periodo viene utilizzata anche da influencer di fama mondiale come Chiara Ferragni.

Tu conosci già TiKTok?

Hai già inserito la piattaforma nel piano di social media marketing della tua attività?

Scopri insieme a me TikTok, come si utilizza e quali possono essere i vantaggi del suo utilizzo per la tua attività nel mondo del web.

 

Tit Tok: cos’è e come funziona

È una piattaforma che appartiene alla società cinese Bytedance e che nel 2017 ha fuso TikTok e Musical.ly. (app di sincronizzazione video-audio).

È presente in 150 mercati, in 75 lingue e conta più di 500 milioni di installazioni totali su Google Play.

TikTok è la destinazione leader per i video brevi da dispositivi mobili e la sua mission è quella di ispirare la creatività dei suoi utenti e di portare allegria, è insomma un social legato all’intrattenimento.

C’è una varietà di filtri, effetti e un importante lavoro di editing da parte dei creator digitali. L’app consente infatti ai propri utenti di sintonizzare e personalizzare i propri contenuti con risultati comici, coinvolgenti e brillanti.

Offre una varietà di contenuti video in formato corto verticale a schermo intero che porta ad un’esperienza video immersiva.

Tutti colgono l’occasione per condividere video in cui mostrano il loto talento, dai ballerini ai make-up artist ai cantanti.

L’applicazione social utilizza l’intelligenza artificiale (AI) per analizzare gli interessi e le preferenze manifestate dagli utenti dell’applicazione, così da poter personalizzare i contenuti da proporre agli utenti stessi.

Permette agli utenti di:

  • Accelerare, rallentare o modificare mediante un filtro il suono o la musica di sottofondo;
  • Possiede una vasta gamma di generi musicali;
  • È possibile registrare audio e video della propria reazione mentre la clip viene visualizzata sullo smartphone;
  • L’opzione “duo” permette di condividere le videoripresa di due terminali mobili in un unico video.

 

TikTok For Business

I brand sono una componente importante dell’esperienza su TikTok. Lanciano trend, connettono community e sensibilizzano su iniziative di servizio pubblico di grande rilevanza.

Così TikTok presenta TikTok For Business, il marchio che identifica la piattaforma globale che ospita le soluzioni di marketing attuali e future per i brand.

Le soluzioni di TikTok For Business sono pensate per offrire ai brand e alle loro direzioni marketing gli strumenti per creare storytelling creativi, in modo da riuscire ad attirare, coinvolgere e fidelizzare la community di TikTok con il loro messaggio.

Il reparto marketing può attingere a opportunità uniche, che si trovano solo su TikTok:

  • Crescita e creatività;
  • Vista, suono e movimento;
  • Una community inclusiva e partecipe;
  • Conoscenza e cultura per tutti;
  • Soluzioni semplici e senza intoppo.

Con il lancio di TikTok For Business il team vuole coniugare la creatività e la positività della sua community attraverso soluzioni pensate per le aziende.

Come far crescere la tua attività su TikTok

La piattaforma di TikTok mette a disposizione diverse soluzioni di marca per far crescere la tua attività:

  1. Vista dall’alto. Un formato video che presenta al tuo marchio il posizionamento migliore e imperdibile di TikTok.
    Cattura la piena attenzione dell’utente attraverso la vista, il suono e la linea narrativa;
  2. Brand takeover. Attira in modo immediato l’attenzione dell’utente con il display statico o dinamico a schermo intero, offri così un forte impatto visivo per il tuo marchio;
  3. Inserzioni in-feed. Racconta la storia del tuo brand come creator di TikTok integrando il contenuto visivo nel feed “Per te” degli utenti;
  4. Hashtag challenge sponsorizzate. Un formato di coinvolgimento unico nel suo genere che fa leva sulla passione degli utenti per la creazione e l’espressione.
    Consolidi la riconoscibilità del tuo brand con un livello di attività che va al di là di un semplice clic;
  5. Effetti sponsorizzati. Metti in moto il divertimento con filtri, effetti speciali e sticker personalizzati.

 

Storie che ispirano: Amazon Prime Video Italia e Maybelline

Aiutare i marchi a raggiungere il successo nel marketing è uno degli obiettivi di TikTok.

Diverse sono le aziende che sono riuscite a “sfruttare” TikTok in vista degli obiettivi prefissati nel loro piano di social media marketing.

Vediamo insieme due esempi di realtà differenti che hanno fatto di TikTok una strategia vincente: Amazon Prime Video Italia e Maybelline.

Amazon Prime Video Italia

Amazon Prime Video Italia

La sfida hashtag di Amazon Prime Video Italia per la mini-serie Good Omens

Amazon Prime Video Italia, uno dei principali servizi di streaming del paese, si era prefissato l’obiettivo di creare buzz attorno all’ultima versione di “Good Omens”, uno spettacolo basato sul libro di Terry Pratchett e la sua interpretazione della nascita del figlio di Satana.

Così, in vista del lancio della mini-serie, Amazon Prime Video Italia voleva:

  • Sensibilizzare lo spettacolo;
  • Raggiungere un pubblico più giovane di Generazione Z.

La soluzione è stata quella di lanciare una sfida Hashtag su TikTok Italia, #beneVSmale, che ha invitato gli utenti a mostrare i loro lati angelici e demoniaci nei modi più creativi che potevano immaginare.

Inoltre, per raggiungere al meglio il loro pubblico di riferimento, Amazon Prime Video Italia ha lavorato con numerosi creatori italiani famosi per produrre contenuti basati sull’hashtag.

I risultati sono stati soddisfacenti:

  • Più di 68 milioni di visualizzazioni registrate da 51.000 video;
  • Oltre 9,4 milioni di interazioni;
  • Il banner e la pagina sponsorizzati di Hashtag Challenge hanno ricevuto 36 milioni di impressioni;
  • 22.000 utenti di TikTok hanno accettato la sfida e hanno pubblicato i propri video “#beneVSmale”.

Per Amazon Prime Video Italia la campagna ha superato le aspettative, superando i valori di riferimento ed esponendo Good Omens e il suo tema a un grande numero di destinatari.

Maybelline

Maybelline e TikTok

La campagna di Maybelline su TikTok con l’influencer Reiko

Nel 2017 Maybelline ha lanciato il mascara Maybelline New York e il target di riferimento principale erano donne forti, sofisticate e mature.

In questo caso Maybelline voleva espandere il suo pubblico di destinazione per conquistare i cuori delle nuove generazioni e l’Express Hyper Curl Mascara è stato scelto come prodotto-vetrina per migliorare la preferenza del marchio tra le consumatrici native digitali.

Rimanendo fedeli al loro obiettivo, Maybelline ha invitato un influencer popolare di nome Reiko a girare un video a tema “Mascara Boyfrined” trasmettendo il concetto di sentirsi amate e carina a quelle ragazze che hanno elevate esigenze di ciglia “curly”.

Il video è stato promosso su TikTok come annuncio in-feed e con il meccanismo di raccomandazione dei contenuti il video è diventato subito virale e ha attirato enorme consapevolezza e coinvolgimento.

Attraverso questa campagna Maybelline ha ampliato con successo il pubblico target di un prodotto classico, vediamo insieme i dati:

  • 700 i mi piace;
  • 907 i commenti;
  • 709 le condivisioni in 1 giorno;
  • Consapevolezza del marchio aumentata dell’80%
  • Preferenza del marchio aumentata del 47,9%.

 

Perché la tua attività dovrebbe utilizzare TikTok

Vediamo insieme quali possono essere i vantaggi per la tua attività nell’utilizzare TikTok secondo una strategia di comunicazione social efficace:

  1. Puoi incontrare la prossima generazione. Con la maggior parte degli utenti di TikTok impegnati nella Generazione Z e nei Millennial con sede nelle principali città di tutto il mondo, puoi connetterti in modo istantaneo con la prossima generazione di contenuti;
  2. Ottieni un coinvolgimento unico. Che si tratti di un’idea, di uno strumento o della sfida dell’hashtag il tuo brand può convertire gli utenti in ambasciatori grazie al potere dell’esperienza condivisa sulla piattaforma;
  3. Promuovi la crescita esponenziale. L’intelligente processo di individuazione dei contenuti di TikTok consente agli utenti di scoprire nuovi contenuti in base alle loro preferenze e abitudini di visualizzazione, aiutando così la tua attività a raggiungere una crescita rapida e la massima visibilità;
  4. Puoi trovare utenti coinvolti e appassionati in linea con la tua attività.

 

Come hai potuto vedere dagli esempi di Amazon Prime Video Italia e Maybelline i vantaggi che puoi ottenere con l’utilizzo di Tik Tok possono andare oltre le aspettative.

Batti sul tempo i tuoi competitor e inserisci TikTok nel piano di social media marketing della tua attività.

Gestire un account su TikTok per la tua attività e i conseguenti progetti che coinvolgono gli influencer richiede molto impegno e creatività.

Se hai bisogno di aiuto o di qualche consiglio non esitare a contattarmi nel team di AEsse Communication.

Ricordati che il lavoro di squadra divide i compiti e moltiplica il successo!

 

Articolo a cura di Giorgia Bozzetti
AEsse Communication
__________________

Seguimi su Linkedin
LinkedIn

Giorgia Bozzetti

Social Media Addicted

Scopri i Servizi di AEsse Communication:

  • business blogging e testi professionali
  • copywriting
  • foto professionali,
  • siti web responsive e mobile friendly
  • social media marketing

✉︎   info@aessecommunication.it

Giorgia   ☏   +39 340 2148 065


Seguici sui social

Icona FacebookLinkedInPinterest social

Instagram per il turismo: 5 consigli per raggiungere il tuo target e aumentare la visibilità

Instagram per il turismo: 5 consigli per raggiungere il tuo target e aumentare la visibilità

Comprare followers su Instagram è controproducente. Un account Instagram, per crescere e ottenere un pubblico ampio e interessato, ha bisogno di immagini di impatto, di contenuti di qualità e di costanza nella pubblicazione.

Tra tutti i social network Instagram è forse quello che meglio si adatta al settore viaggi e turismo, grazie proprio alla potenza della comunicazione visiva.

È un social in continua crescita (conta 20 milioni di utenti solo Italia ed è secondo solo a Facebook che ne ha 28 milioni*) e ha un bacino di utenza tale da poter garantire una visibilità eccellente alla tua struttura e ai servizi che offri.

Se gestisci un hotel o un B&B, ma anche un agriturismo o un ristorante, seguimi: vedremo insieme qualche suggerimento per utilizzarlo al meglio e ottenere la visibilità che permette alla tua struttura di farsi notare online.

Vedremo le buone pratiche che ti permettono di aumentare i followers, quali hashtag utilizzare e il motivo per cui ti sconsiglio di comprare followers.

Nell’articolo Come cambia Instagram per le aziende: puntare sui contenuti visivi e testuali si rivela la scelta vincente spiego invece come, nel tempo, Instagram si sia modificato, diventando sempre più un micro-blog.

Questo evidenzia l’importanza dei contenuti non solo visivi di un social nato il 6 ottobre 2010 per la condivisione di selfie da modificare con diversi filtri forniti.

A riconfermare che il successo di un media nel tempo passa attraverso l’utilità dei servizi che offre ai suoi utenti.

1. Inizia con una Bio significativa

Se hai già creato un profilo per la tua struttura, che deve essere Business, hai già inserito la Bio, quella didascalia che appare sopra la gallery fotografica.

È il tuo biglietto da visita su Instagram: deve essere semplice ma significativa. Inizia da qui a distinguerti.

Nella bio non deve mancare:

  • il link al tuo sito web; 
  • un hashtag ufficiale della tua struttura;
  • Il luogo, la città dove si trova la tua struttura.

Vediamo ora qualche altro consiglio di content marketing per promuoverti al meglio.

2. Condividi immagini reali e contenuti utili

Scegli uno stile idoneo con l’immagine che vuoi trasmettere, condividi immagini di qualità e reali: questo rende gli utenti più propensi a interagire col brand.

Le immagini reali sono quelle che rappresentano la tua attività, il tuo hotel, le persone che lo vivono.

È importante che tu riesca a trasmettere i tuoi valori e la qualità dei tuoi servizi. Fai attenzione a non creare aspettative non realistiche.

Non porre limiti limiti al desiderio di raccontare la tua attività: pubblica immagini e brevi video di eventi che crei nella tua tua struttura o a cui partecipi nel territorio e condividili nelle stories, ti aiuterà a crescere più velocemente.

Puoi anche coinvolgere il tuo pubblico con qualche domanda, meglio se con risposte chiuse per evitare sorprese spiacevoli.

Un esempio? “Cosa preferite trovare quando rientrate al B&B nel pomeriggio? Uno stuzzichino salato o una torta fatta in casa?”

Inoltre, grazie alle localizzazioni, permetti ai tuoi followers di ripercorrere i tuoi passi e vivere le tue stesse emozioni. E magari far sorgere in loro il desiderio di trascorrere un vero soggiorno nella tua struttura.

Instagram turismo

Alcuni consigli utili per aumentare la visibilità su Instagram. A questi è necessario aggiungere periodicamente delle Instagram ADS, che dipendono dal budget a disposizione

Oggi, soprattutto nel mondo del food&wine, sono numerose le aziende che hanno deciso di affidarsi a fotografi professionisti anche per la creazione di immagini da condividere nei social. A riconferma della centralità della qualità e dell’importanza del linguaggio visuale.

Informa sul territorio e illustra i tuoi servizi

Condividi immagini del tuo territorrio, ricorda che immagini romantiche e con il tramonto sono sempre molto apprezzate proprio perché sono emozionali e permettono di sognare.

Dai informazioni su ciò che lo contraddistingue e condividi contenuti utili, come le attrazioni della zona in cui ti trovi o le attività sportive praticabili, in un’ottica di marketing del territorio.

La tua struttura offre un servizio di ristorazione?

Nulla di meglio che condividere immagini di pietanze presentate in modo personale.

Umanizza il tuo brand

Condividi con i tuoi followers il lato umano del tuo hotel, mostrando le persone che lavorano con te. È questo l’aspetto “vivo” del tuo lavoro.
E ti aiuta a distinguerti.

3. Trasforma i tuoi clienti in autori (User Generated Content)

Condividi i post delle persone che hanno soggiornato nel tuo hotel e hanno usato l’hashtag della tua struttura, è un modo di creare affiliazione tramite i social.

Inoltre, gli utenti reputano molto affidabili le testimonianze di esperienze vissute da altri: in questo il repost gioca doppiamente a tuo vantaggio.

Inoltre, inserendo il geotag (o geolocalizzazione), favorisci sia le persone che hanno utilizzato la posizione del tuo hotel per localizzare il loro post (buona pratica è la ripubblicazione nelle stories) sia l’utente che si trova nelle vicinanze e cerca un ristorante o un hotel

Il fatto che l’utente sia convinto che gli User Generated Content siano “più reali” della comunicazione tradizionale è per te un enorme vantaggio perché aumentano la predisposizione all’acquisto del prodotto o del servizio descritto o raccontato nel post.

Ricorda dunque che:

Gli UGC convincono, si ricordano con facilità, ispirano fiducia, generano valore per l’azienda e per i consumatori.

4. Sii costante con le pubblicazioni

Frequenza e costanza di pubblicazione sono due aspetti importanti per Instagram.

Se vuoi aumentare la tua visibilità e i tuoi followers devi presidiarlo giornalmente con almeno una foto e una o più stories.

Anche nei periodi di chiusura mantieni vivo il rapporto con i tuoi followers informandoli, ad esempio, di #workinprogress.

La cosa migliore è però organizzarsi per tempo e seguire un piano editoriale di pubblicazione, così da non trovarsi mai senza contenuti.

5. Inserisci gli hashtag giusti per la tua struttura

Per intercettare la community dei viaggiatori è necessario l’utilizzo degli hashtag, che sono come degli aggregatori testuali che ti permetteranno di interagire con determinati utenti.

Su Instagram gli hashtag hanno una funzione centrale, infatti questi elementi sono fondamentali per aumentare la visibilità dei propri post.

L’hashtag è una sorta di tag cliccabile, costituito da una determinata parola chiave preceduta dal carattere cancelletto. 

Gli hashtag sono un ottimo strumento per filtrare gli argomenti che vengono postati su Instagram, e di conseguenza possono essere utilizzati per aumentare il livello di coinvolgimento degli utenti.

Un post con hashtag efficace, inoltre, ha molte più probabilità di andare incontro ad una visibilità ampia, oltre che mirata.

Individuare il giusto tag con cui accompagnare un post è importante: ti permetterà di aumentare i followers su Instagram e alzare il livello di partecipazione da parte degli utenti.

Inizia creando un l’hashtag principale del tuo Hotel e usalo per tutti i tuoi post.

Per trovare gli hashtag giusti per il tuo settore e quelli usati dei tuoi potenziali clienti usa i tool come Ritetag o Hashtagify, che permettono di individuare delle preziose parole chiave correlate da aggiungere al tag principale.

Instagram stesso ti suggerisce i tag più utilizzati quando inserisci la parola chiave preceduta da #.

Ricorda che usare hashtag popolari e che vengono maggiormente usati in quel momento aumenterà la copertura e la visibilità dei tuoi post

Tra più popolari in assoluto, per intenderci si trovano #beach, #bestoftheday, #food, #friends, #fun, #instagram, #love, #nature, #travel #instafoto #summer e via dicendo. Questi hashtag hanno dei numeri altissimi di condivisione e il loro vantaggio principale consiste nell’alta visibilità che riescono a dare fin da subito al post.

Ma c’è un problema. Il loro ampio utilizzo (dopo il tuo post molti altri utenti faranno lo stesso) fa scomparire in poco tempo ciò che hai pubblicato.

Un approccio più mirato è quello di utilizzare degli hashtag specifici, che riguardano cioè una specifica attività, un certo prodotto o la zona/regione in cui ti trovi.

Ovviamente la visibilità sarà minore, ma i post avranno più probabilità di essere visualizzati dal tuo reale pubblico target, ovvero dagli utenti che ti interessano di più, perché rimarranno più a lungo tra i post proposti da Instagram agli utenti.

La strategia migliore è quella di pubblicare qualche hashtag popolare (ma attinente) e qualche hashtag specifico e mirato, in modo da raggiungere entrambi gli obiettivi.

Perché non serve a nulla comprare followers su Instagram

Ora ti spiego le principali ragioni per cui ti sconsiglio di comprare followers su Instagram.

Avrai notato anche tu che sono in molti a comprare followers su Instagram per condividere così il loro contenuto con un pubblico più ampio.

Ma comprare followers non significa avere un reale seguito. È stato dimostrato che l’engagement è uguale a zero! Comprare followers significa solo sprecare i propri soldi.

Nei social network, a contare non è tanto il numero di followers o dei like, quanto piuttosto il coinvolgimento degli utenti. 

A che scopo acquistare 10.000 utenti su Instagram, se nessuno di loro interagirà mai con i tuoi contenuti?

Quanti di loro saranno realmente interessati alla tua proposta e ai tuoi servizi?

Instagram inoltre, come qualsiasi altro social network, funziona sulla base di algoritmi precisi. 

Ciò significa che questa piattaforma decide di far vedere i contenuti di una pagina solo se questi possono interessare l’utente, ossia propone i contenuti simili ai suoi like precedenti.

Se quest’ultimo non interagisce in alcun modo con i tuoi contenuti, Instagram non gli propone più nulla di tuo.

Se vuoi ampliare il tuo pubblico e ottenere in breve tempo nuovi followers realmente interessati a te la strategia migliore è quella di utilizzare la Instagram Ads e Facebook Ads.

Aumentando la visibilità in modo profilato e con un minimo di budget a disposizione, potrai ottenere followers reali e motivati a guardare ciò che pubblichi.

L’esempio di VeronaWineLove.com

VeronaWineLove.com è un portale sull’enoturismo veronese gestito da AEsse Communication. L’account Instagram è stato creato nel mese di aprile 2018 e in due anni, con condivisioni di contenuti utili e costanti che interessano il target di VeronaWineLove, abbiamo superato i 5.000 followers.

Abbiamo condiviso immagini ad alto impatto visivo e ripostato molte foto scattate dai nostri followers sui vini locali, sui vigneti e sulle zone di maggior interesse turistico.

Abbiamo anche dato spazio a locandine di eventi e all’approfondimento con infografiche a tema.

Instagram account

L’account Instagram di VeronaWineLove.com, il portale dedicato al turismo del Food&Wine con itinerari a Verona, Lago di Garda, Soave, Lessinia, Terra di Forti e Custoza

Nelle stories sono stati condivisi degli screenshot con l’invito a leggere articoli del blog presente sul sito web, oltre a brevi video su eventi o panorami sulle vallate. Sempre con la localizzazione e l’utilizzo del tag più appropriato.

Vuoi aumentare i tuoi follower su Instagram?

Ricapitolando, per far crescere in modo efficace i seguaci del tuo account devi offrire contenuti di qualità, usare gli hashtag corretti e il geotag. Anche essere attivo all’interno delle community di settore serve a farti notare.

Inoltre: rispondi sempre ai commenti, ricambia i like, fai sentire che dietro il brand c’è comunque una persona.

Ricorda che i social vanno utilizzati con il fine ultimo di creare risorse di business per il proprio brand e una strategia di social media marketing deve darsi obiettivi misurabili e concreti.

Se hai bisogno di aiuto per impostare il tuo piano editoriale per i social della tua attività o vuoi qualche consiglio per meglio impostare la tua strategia su Instagram, non esitare a contattarmi. Vedremo insieme quali sono i migliori contenuti da condividere nei social.

Un altro social molto utile al settore turismo è Pinterest. Potresti leggere due articoli interessanti di Giorgia Bozzetti, la nostra esperta di Social Media Marketing:

 

*Secondo il Report Digital 2020 di Hootsuite e We Are Social


Articolo a cura di
Sara Soliman
AEsse Communication

**************************

Seguimi

LinkedIn

Sara Soliman

Copywriter

Scopri i Servizi di AEsse Communication:

  • business blogging e testi professionali
  • copywriting
  • foto professionali
  • siti web responsive e mobile friendly
  • social media marketing

✉︎   info@aessecommunication.it

Servizi di Comunicazione digitale:
Nicola   ☏   +39 349 8058 016

Seguici sui social

LinkedIn  FacebookPinterest social

Netiquette: le regole della casa. Scopri come costruire valore aggiunto per la pagina della tua attività sui social network

Netiquette: le regole della casa. Scopri come costruire valore aggiunto per la pagina della tua attività sui social network

Creare una Netiquette per la pagina social della propria attività è un passaggio fondamentale e spesso sottovalutato per instaurare con i propri utenti un rapporto costruttivo, interattivo e avere un profilo pulito.

Nel momento in cui ci troviamo ad interagire con altre persone, sia nella vita reale che nel mondo dei social media, è indispensabile tener presente alcune regole di buona educazione.

Sto parlando della netiquette.

Altrettanto importante, dall’altro lato, è il ruolo di chi gestisce una pagina o un gruppo sui social network. Per avere sotto controllo tutte le interazioni sulla nostra pagina social è fondamentale costruire una netiquette ben strutturata, semplice e chiara.

La netiquette è un insieme di regole che mirano a disciplinare e a favorire un rapporto sano e costruttivo tra gli utenti della propria pagina/gruppo sui social.

La maggior parte delle pagine di aziende, di personaggi pubblici e di DMO (Destination Management Organization) non hanno una netiquette pubblicata sulle pagine social, prova a fare una rapida ricerca e vedrai che non mi sbaglio!

Questo porta a diverse conseguenze spiacevoli: parole fuori luogo, utenti che insultano e fanno spam (con l’invio di messaggi pubblicitari o autopromozione), come se tutto rientrasse nella normalità. Ma non lo è.

Ricordati che la pagina Facebook rappresenta chi la gestisce: brand, DMO, personaggio pubblico che sia. E ne deriva anche una buona o cattiva reputazione del brand di riferimento.

Non cadere nello stesso errore e scopri insieme a me come costruire una netiquette efficace per la tua pagina.

Troverai anche alcuni esempi che ti possono essere utili.

 

Che cos’è la Netiquette

Netiquette

Con il termine “netiquette” si fa riferimento all’insieme delle regole che disciplinano il comportamento dell’utente all’interno dello spazio social della tua attività, che sia una pagina o un gruppo.

Netiquette è una parola che deriva dall’unione di network, in inglese (rete), e étiquette in francese (buona educazione).

In modo ancora più semplice possiamo chiamarla “le regole della casa”.

È stata anche redatta la RFC 1855 Netiquette Guidelines, che racchiude al suo interno alcune delle norme base per una buona convivenza sul web.

Leggila, potrebbe esserti utile per capirne la struttura e l’importanza.

Con il documento della netiquette spieghi ai tuoi utenti cosa è possibile fare e ciò che invece è vietato nel tuo canale social, mettendo inoltre nero su bianco cosa accade nel momento in cui non si rispettano le regole.

Non esiste un modello universale e quindi puoi costruire le tue “regole della casa” secondo le linee guida della tua attività e in base a ciò che tu ritieni corretto o meno.

Dopotutto, il tuo profilo social rappresenta il luogo dove vive la tua attività, quindi creare una netiquette sarà un elemento di qualità che andrà a tuo favore.

 

La Netiquette non è una policy social

L’obiettivo della policy social di un brand è quello di:

  • Fornire ai propri clienti indicazioni precise e non confondibili per consentire così agli operatori coinvolti di adottare il comportamento corretto sui social media, sia quando parlano del tuo brand in “casa tua”, sia in qualità di tuoi rappresentanti;
  • Essere una risorsa utile per la gestione corretta e tempestiva degli eventi che coinvolgono le properties (proprietà) dell’azienda.

A livello giuridico è un regolamento interno ad un’azienda che, dal momento in cui viene firmato, vale come tutte le altre regole aziendali.

Ci troviamo quindi nell’ambito più specifico del contratto che disciplina il comportamento dei dipendenti e dei collaboratori con relativo impianto sanzionatorio.

Quindi la netiquette non è una policy, ma è il comportamento che tu chiedi di tenere ai tuoi ospiti social.

La netiquette si affida in principio alla buona educazione e al buon senso degli utenti che navigano sui canali social della tua attività.

Serve per comunicare ai tuoi utenti i criteri di moderazione, pubblicazione e il tone of voice della tua attività. Deve essere pubblica e sempre visibile.

 

Come si costruisce

costruire una netiquette

Per costruire una Netiquette bisogna seguire quattro fasi: introduzione, regole, conseguenze, conclusioni

 

Puoi creare la tua netiquette con un documento di testo attraverso una nota, oppure può essere elaborata con un contenuto creativo aggiungendo una tab.

La via più semplice e accessibile a tutti è però il documento testuale.

Vediamo insieme le 4 fasi con le quali costruire una netiquette efficace:

  1. Introduzione;
  2. Regole;
  3. Conseguenze;
  4. Conclusioni.

INTRODUZIONE

Attraverso un breve testo dai il benvenuto al tuo utente che sta dedicando del tempo per leggere il tuo documento.

“Benvenuto nella mia pagina/gruppo + nome della pagina”

Avvisa l’utente che in questo spazio troverà le regole della tua community che sono da seguire per lo sviluppo di buone conversazioni e per una buona convivenza tra gli utenti.

Ricorda loro che gli argomenti trattati nel tuo gruppo/pagina sono monitorati in modo costante e vengono moderati.

Può esserti utile: Visual storytelling: come raccontare la storia del tuo brand con le immagini

REGOLE

regole della netiquette

Nella Netiquette vengono pubblicati i Comportamenti ammessi e incentivati e anche i comportamenti vietati e sbagliati

Attraverso l’uso di frasi semplici, chiare e precise stila il comportamento ideale del tuo utente perfetto e poi elenchi ciò che non è ammesso.

“In questa pagina/gruppo vorrei vedere”:

  • Critiche costruttive;
  • Richieste di informazioni strutturate;
  • Commenti di valore, non frettolosi;
  • Persone che si aiutano tra loro.

“In questa pagina/gruppo non saranno ammessi”:

  • Post o commenti che utilizzano un linguaggio offensivo;
  • Messaggi spam;
  • Post o commenti a scopo politico;
  • Link condivisi solo a scopo promozionale;
  • Argomenti off topic.

Questo è solo un esempio di cosa potresti inserire nella tua netiquette.

CONSEGUENZE

Nel momento in cui hai introdotto la tua pagina e elencato le regole che i tuoi utenti devono seguire, è bene che specifichi quali saranno le conseguenze per chi non rispetta le regole.

L’utente che viola la netiquette della pagina/gruppo subirà le conseguenze stabilite dai moderatori. Ci riserviamo di rimuovere commenti o post che non seguono e rispettano le regole elencate in precedenza.”

CONCLUSIONE O CONSIGLI

Come ultimo step puoi aiutare i tuoi utenti ad interagire tra di loro nel migliore dei modi.

Per esempio, se sei proprietario di una cantina e organizzi tour enoturistici e i tuoi utenti/clienti hanno delle domande da porti:

“Se hai delle domande: utilizza sempre l’hashtag #Domanda. In base alla tua richiesta potrai ottenere una risposta dai moderatori.”

Ricordati di inserire anche entro che ora la tua attività risponderà alle domande e che i messaggi ricevuti fuori orario riceveranno risposta quanto prima. L’orario cambierà in base al settore in cui lavori.

 

Perché è importante la Netiquette per la presenza sui social della tua attività

Ti starai chiedendo qual è il vantaggio di pubblicare la netiquette sulla tua pagina social.

In primis la netiquette, e quindi stabilire delle regole, è fondamentale per prevenire qualsiasi tipo di comportamento da parte dei tuoi utenti.

Non importa se tu abbia un’attività o sia un personaggio pubblico, creare una netiquette è un plus, un valore aggiunto che è sinonimo di qualità.

D’altronde, senza regole nei tuoi social regnerebbe il caos più totale. Di certo non è conveniente per la tua attività.

Con la netiquette puoi moderare gli utenti che non rispettano le regole che hai stabilito. Moderare non vuol dire censurare ma gestire in modo responsabile un comportamento ritenuto sbagliato.

Se ad esempio la tua netiquette vieta di pubblicare post o commenti con finalità politiche e un tuo utente pubblica un commento “politico”, tu puoi intervenire nascondendo o eliminando il commento.

In seguito, scrivi in privato all’utente “colpevole” e gli spieghi che ha violato la tua netiquette (sempre visibile) e quindi il suo commento è stato rimosso.

Ciò porta ad avere una pagina o un gruppo pulito e l’utente ha ricevuto una comunicazione chiara, diretta ed educativa.

 

Esempi e consigli

Prima di iniziare a costruire la tua netiquette voglio darti consigli:

  1. Scegli un linguaggio semplice e chiaro. L’essere diretto aiuterà il tuo utente a capire in pochi secondi quali siano le regole da seguire e i comportamenti da non attuare. Informa subito quali sono le conseguenze di un comportamento “sbagliato”;
  2. Avvisa i tuoi utenti di non utilizzare mai il maiuscolo. Utilizzarlo in rete equivale ad urlare ed è quindi considerato una forma di scortesia;
  3. Prendi ispirazione dagli esempi di grandi brand. Ce ne sono di diversi tipi, chi è più creativo e chi più formale, dipende dall’identità del marchio;
  4. Stai attento all’ortografia, la sintassi e la grammatica. Il tone of voice e la sintassi devono essere coerenti con il contesto, curati e controllati.

Vediamo insieme l’esempio positivo di due netiquette presenti sui social, possono esserti utili per prendere quale spunto: Banca Mediolanum e Ceres.

Netiquette di Banca Mediolanum

Netiquette di Banca Mediolanum

 

Netiquette di Ceres

Netiquette di Ceres

Come puoi vedere entrambe le netiquette spiegano quali sono le regole della casa e quali sono le conseguenze nel caso in cui un utente compia un comportamento ritenuto “sbagliato”.

Banca Mediolanum specifica anche perché il brand è presente su Facebook e quali sono gli obiettivi della pagina.

Entrambi i brand specificano come vengono gestite le varie attività: commenti, post, messaggi, richieste di informazioni.

Legato al brand cambia in modo naturale il tone of voice della netiquette, quello di Ceres è più informale e alla mano, anche perché ha un target di riferimento diverso da quello di Banca Mediolanum che invece utilizza un linguaggio più formale, ufficiale.

Quindi, creare la netiquette legata alla tua attività è un passaggio necessario per rendere i tuoi utenti più consapevoli di quello che fanno e ti facilita la vita nel gestire la pagina stessa.

Se ti serve qualche consiglio o hai bisogno di aiuto per creare la netiquette per la pagina social della tua attività contattami pure nel team di AEsse Communication.

 

Articolo a cura di Giorgia Bozzetti
AEsse Communication
__________________

Seguimi su Linkedin
LinkedIn
Giorgia Bozzetti

Social Media Addicted

Scopri i Servizi di AEsse Communication:

  • business blogging e testi professionali
  • copywriting
  • foto professionali,
  • siti web responsive e mobile friendly
  • social media marketing

✉︎   info@aessecommunication.it

Servizi di Comunicazione digitale:
Nicola   ☏   +393498058016

Seguici sui social

Icona FacebookLinkedIn