Due parole con Nicola Albi, laureato Univr e professionista nel campo della comunicazione.
Articolo comparso nella sezione Backstage del n.45 di Pass Magazine
di Alessandro Bonfante (vai all’articolo)

Il mondo della comunicazione è in continua evoluzione. Nuovi canali, nuove modalità e nuovi stili sono all’ordine del giorno. Un professionista in questo campo deve sempre essere aggiornato e affrontare nuove sfide.
Abbiamo chiesto a un laureato dell’università di Verona, Nicola Albi dello Studio AEsse Communication, di raccontarci il suo percorso professionale.

Parlaci del tuo percorso scolastico-universitario e lavorativo.

Il mio percorso universitario è iniziato nel 2010, quando mi sono iscritto al corso di laurea triennale di Scienze della Comunicazione, per terminare nel 2016 con la Magistrale in Editoria e Giornalismo. Essendo uno studente lavoratore, classe 1967, devo dire di aver ripreso lo studio dopo vent’anni di professione. La mia ultima occupazione riguardava la gestione assicurativa e legale di una società che operava nel commercio di articoli per cartolibrerie e grande distribuzione. Un’esperienza altamente formativa alla quale ho deciso di aggiungere più spessore. E devo dire che lo studio delle diverse materie presenti nei programmi di entrambi i corsi sono una base di partenza per ampliare quel bagaglio conoscitivo indispensabile ai nostri giorni. Questa precisazione è importante in quanto mi ha portato a reinventarmi nel lavoro. Con mia moglie Sara, anche lei laureatasi in Editoria e Giornalismo dopo un percorso in campo bio-medico, abbiamo fondato in piccolo studio di consulenza in ambito digit&media.

Quali sono state le esperienze (di formazione, ma non solo) più significative per la tua attuale occupazione?

Un corso che mi è stato utile per entrare nel settore digitale è stato quello in Grafica e Design per la multimedialità tenuto dal Prof. Antonio Cioffi. Imparare a gestire un progetto, che parte della creazione di un sito web alla connessione dei moduli social, mi è servito per l’attuale professione.
Anche il periodo tirocino formativo con l’ufficio dell’Area di Comunicazione Integrata d’Ateneo dell’università di Verona, nel campo del web content, è stato un interessante momento di crescita.

Università vs. mondo del lavoro: che rapporto c’è?

L’università deve essere strumentale all’occupazione o dare una base teorica? Il ruolo dell’università è fondamentale per generare quella struttura conoscitiva di base che servirà poi nei specifici ambiti professionali. L’interscambio di progettualità tra l’ateneo e le aziende è importante perché “insieme” si cresce in un mondo sempre più competitivo.

Quali sono le maggiori difficoltà che deve affrontare chi vuole iniziare a lavorare nel campo della comunicazione? Un consiglio per superarle?

L’ambito della comunicazione è in continuo cambiamento perchè risente dei ritmi della tecnologia. Se guardiamo il modo di fare giornalismo è diverso da quello di un tempo ma l’approccio rimane ancorato agli assiomi fondamentali (Watzlawick docet!). Quindi tenersi aggiornati, frequentando corsi o eventi specifici, per apprendere le complicate dinamiche sociali e della Rete sono il fil rouge che ci permette di superare le difficoltà del mercato.

Descriviti in tre parole.

Curioso, romantico e camminatore.
Penso che l’incipit ideale per cambiare sia presentarsi alla vita in maniera sempre diversa.
L’aspetto romantico riguarda il modo di essere in rapporto alle emozioni, vero motore esistenziale.
Infine la sintonia con la natura e con i suoi infiniti sentieri, immancabili momenti per meditare e conoscersi.