L’empatia ti permette di vedere la vita con occhi diversi, di cogliere l’inespresso, di comunicare in modo efficace e consapevole

L’ empatia è la capacità di entrare in perfetta sintonia con le altre persone, al punto da riuscirne a capire gli stati d’animo. 

Questa dote è fondamentale per ognuno di noi, nelle relazioni personali come al lavoro.

Ho letto di recente dei testi interessanti sull’argomento e spero, con questo articolo, di poterti dare dei buoni suggerimenti su come coltivare e sviluppare l’empatia.

Purtroppo l’individualismo del giorno d’oggi ha tolto “allenamento” alla nostra empatia, relegandola a un lontano angolino della nostra mente e delle nostre abitudini.

Spesso ce ne dimentichiamo, cerchiamo di far valere le nostre ragioni senza ascoltare quelle altrui.

Invece empatia vuol dire riuscire a immedesimarsi negli altri per comprendere le loro emozioni, i loro stati d’animo e, di conseguenza, le loro azioni.

Prima di tutto però dobbiamo imparare ad ascoltare:

“Dio ci ha dato due orecchie, ma soltanto una bocca, proprio per ascoltare il doppio e parlare la metà.”

(Epitteto)

Ed è proprio la scarsa volontà di ascoltare e il non mettersi nei panni degli altri per capire se hanno compreso le nostre parole e le nostre intenzioni che causa la maggior parte delle incomprensioni.

Empatia: cos’è e perché non devi ignorarla per avere successo nella vita  

L’empatia è un’eccezionale capacità con cui ci sintonizziamo con i sentimenti e le intenzioni altrui.

Eccezionale non perché sia qualcosa di raro o introvabile, ma perché l’empatia ha una potenza straordinaria e, se utilizzata come abitudine, porta risultati reali e che durano nel tempo.

La neuroscienza colloca l’empatia nella circonvoluzione sopramarginale destra della nostra struttura cerebrale, in un punto situato tra il lobo parietale, quello temporale e quello frontale.

Grazie all’attività dei neuroni situati in queste zone (i neuroni specchio) riusciamo ad accantonare, in alcuni momenti, il nostro mondo emotivo e le nostre cognizioni per poter essere più ricettivi al mondo altrui.

Non è semplice e non è per nulla scontato, abituati come siamo a vedere le cose solo da un solo punto di vista: il nostro.

Ascoltando l’altro e provando a vedere le cose dal suo punto di vista, possiamo dire che che stiamo osservando il mondo con occhi diversi, attraverso il filtro dell’empatia.

Solo così possiamo comprendere la prospettiva degli altri e le loro emozioni, come percepiscono e come vivono la loro realtà.

È un’abilità cruciale per la nostra crescita personale e per le relazioni: ci permette infatti di ampliare la nostra percezione sfruttando esperienze diverse.

 

Comunicazione emapatica

La comunicazione empatica facilita le relazioni perché innalza la relazione a un livello più autentico di benessere individuale e di fiducia dell’altro

 

Empatia, intelligenza emotiva e sensibilità empatica

Le persone altamente sensibili sono per natura anche molto empatiche, sanno cogliere stati d’animo e sentimenti altrui fino ad addossarsene le problematiche.

L’empatia è dunque una parte indispensabile dell’intelligenza emotiva.

Sviluppare la Sensibilità Empatica non può che migliorare i rapporti interpersonali. 

L’empatia non è percepita da chiunque come un punto di forza, anzi, alcuni credono che essere empatici sia sinonimo di sofferenza, come se si trattasse di un contagio emotivo tramite cui si vive il dolore altrui.

Essere empatici è una dote che deve far conto con il giusto equilibrio delle emozioni, in quanto, come afferma Daniel Goleman, nel suo saggio Intelligenza Emotiva:

“Saper controllare le nostre emozioni è la chiave del benessere psicologico, i sentimenti estremi – le emozioni che diventano troppo intense o che durano troppo a lungo – minano la nostra stabilità.”

Il vantaggio sociale dell’empatia

L’empatia porta con sé un enorme vantaggio socialeSocialità e cooperazione sono infatti i punti di forza di ogni essere vivente sin dagli albori di ogni civiltà.

Riconoscere le emozioni degli altri, e avere la certezza che gli altri riconoscano le nostre, facilita le nostre interazioni.

Accade sia nel piacere sia nel dolore: quando vediamo qualcuno che soffre “sentiamo” il suo dolore. Se invece osserviamo delle persone gioire, siamo in grado di provare quella gioia, che si riflette dentro di noi.

Ma solo se abbiamo imparato a coltivare l’empatia.

Gli aspetti dell’empatia: cognitiva, emotiva e compassionevole 

L’empatia è una dote che presenta diverse sfumature. Ci sono varie forme di empatia*, però sono tre le tipologie più importanti.

È raro trovare due persone che siano empatiche allo stesso modo, ma l’empatia deriva comunque dalla miscela di questi tre tipi di empatia:

1. Empatia Cognitiva

È una tipologia di empatia che permette di intuire chiaramente quello che l’altra persona pensa e di comprenderne a fondo il suo punto di vista. 

Da una parte vi è la comprensione delle emozioni altrui, dall’altra però manca la compassione e il desiderio di preoccuparsi di cosa provano le altre persone e di voler quindi fare qualcosa per aiutarle.

L’Empatia Cognitiva è utilizzata dai grandi oratori, i venditori e i negoziatori.

2. Empatia Emotiva o Affettiva

In questo secondo tipo di empatia, il rapporto che si crea è più profondo e si è in grado non solo di comprendere ma anche di provare davvero dentro di sé le sensazioni delle altre persone. 

L’Empatia Emotiva o Affettiva è quindi un gradino più in alto rispetto a quella Cognitiva poiché ci permette di comprendere e anche sentire sulla nostra pelle gli stati d’animo altrui, ma non necessariamente di provare compassione per essi.

3. Empatia Compassionevole o Sensibilità Empatica

Questa ultima tipologia di Sensibilità Empatica implica quella che viene definita Preoccupazione Empatica.

Nell’Empatia Compassionevole sono riunite le caratteristiche degli altri due tipi di empatia. Siamo quindi in grado di comprendere le emozioni dell’altro, di provarle dentro di noi e in più riusciamo anche a capire come aiutare la persona che abbiamo davanti.

Nasce in noi la compassione e il desiderio di prodigarci per l’altro in modo da alleviare le sue sofferenze e renderci utili al suo star bene. 

È questa quindi la forma di Empatia più vera ed autentica, quella di coloro che ci porta ad essere altruisti e a occuparci del benessere della collettività.

Ognuno di noi possiede alcuni tratti dell’una o dell’altra e ciò va a definire il suo modo di rapportarsi agli altri.

Empatia: strumento vincente per comunicare

Che cosa rende l’Empatia uno strumento così prezioso e tale da migliorare il nostro modo di comunicare e di rapportarci con gli altri?

“Se non provi empatia e le tue relazioni personali non sono efficaci, non importa quanto sei intelligente: non arriverai lontano”.

(Daniel Goleman)

Ti è mai capitato di parlare con qualcuno e di pensare che quella persona ti capisce all’istante come nessun’altro?

La comunicazione empatica permette di innalzare la comunicazione ad un livello superiore e più evoluto, tale da rendere la persona che le utilizza più sicura e consapevole di se stessa, abile e vincente in ogni ambito della vita.

Empatia: strumento prezioso per ottenere fiducia 

Innanzitutto, l’empatia permette di ottenere la fiducia delle persone perché solo creando sintonia tra i soggetti  la comunicazione risulta efficace.

Ognuno di noi desidera essere pienamente capito e compreso.

Il nostro interlocutore si sente capito e compreso ed è normale che vedrà in noi una persona di cui fidarsi.

Proprio perché siamo animali sociali, comunicare efficacemente condividendo con gli altri quello che sentiamo e proviamo è un qualcosa a cui non possiamo assolutamente rinunciare.

Il problema però è che nella società di oggi, in cui tutto corre velocissimo e abbiamo sempre meno tempo, spesso ce ne dimentichiamo e siamo talmente concentrati su noi stessi che non poniamo la giusta attenzione alle emozioni degli altri.

 

comunicazione empatica

L’Empatia è alla base del nostro vivere vicino e con gli altri, è quel “collante sociale” che ci permette di instaurare relazioni interpersonali stabili e autentiche

 

Come possiamo quindi pretendere di essere compresi se non siamo noi i primi a farlo con gli altri?

Il vero segreto della Comunicazione Empatica si sposta dunque al piano dell’ascolto.

Questo significa che grazie alla capacità di ascolto, al porre l’attenzione alle sensazioni degli altri, riusciamo a immedesimarci in loro fino a raggiungere quella sintonia emozionale che migliorerà la nostra relazione rendendola più efficace.

Utilizzare la comunicazione empatica è la modalità migliore per assicurarsi il successo nelle relazioni interpersonali poiché comprendere i pensieri altrui  ci pone ai loro occhi come persone piacevoli e con le quali stare bene.

Senza empatia gli essere umani sarebbero personalità solitarie e completamente scollegate tra loro.

E questo vale per qualsiasi ambito la vogliate applicare (lavorativo, sentimentale, sociale): l’Empatia sarà quindi sempre uno strumento molto prezioso per aiutarvi a relazionarvi al meglio con gli altri.

Empatia: utilizzo nel lavoro e nella vita

Il successo nella vita è fortemente influenzato da ciò che mostriamo emotivamente nei confronti degli altri. 

Ognuno di noi ha ambizioni diversi, ma tutti abbiamo un desiderio in comune: sentirci compresi e apprezzati.

Nelle relazioni di tutti i giorni l’empatia ha un ruolo importante, perché, per poter creare relazioni stabili, è necessario mettersi nei panni degli altri e capire i loro problemi.

Nel lavoro l’empatia viene sempre più valorizzata negli ultimi anni, poiché i processi aziendali stanno diventando molto complessi e in molti casi è necessario creare team di lavoro che non devono essere motivati da obiettivi individualistici, ma orientati dallo spirito del gruppo.

Lo spirito del gruppo può esserci solamente se tutti i membri imparano a mettersi nei panni dei loro compagni di squadra, risolvendo insieme  i problemi che si presentano.

Inoltre, l’empatia permette di colmare le distanze, aiuta a “sentirci sentiti” (formulazione di Dan Siegel).

Cosa non è l’Empatia

Empatia non significa necessariamente approvazione o adesione. Come non significa rinunciare alla propria personalità o alle proprie idee per soddisfare i bisogni dell’altro. 

L’empatia deve essere autentica.

Le persone non hanno bisogno di instaurare relazioni allo scopo di non sentirsi mai contraddette, ma desiderano parlare con persone sincere e che sappiano ascoltare ciò che hanno da dire senza essere giudicate. 

Sì, perché la vera empatia non conosce giudiziI nostri giudizi riducono la capacità di avvicinarci agli altri mettendoci in un angolo, in un punto da cui godiamo di una visibilità e di una prospettiva limitata: la nostra.

L’empatia non deve avere niente a che fare con gli interessi e con l’egoismo.

Viceversa, la vera empatia ci permette di arricchirci di dignità e rispetto, sentirci apprezzati, liberi e parte di un tutto in cui ognuno è importante.

L’empatia è molto utile nei conflitti o anche con le persone che non ci piacciono. Comprendendole meglio è più facile trovare il modo per comunicare con loro. E, sentendosi capiti, i nostri interlocutori saranno più disponibili ad ascoltare noi.

Leggi anche: Coronavirus e Resilienza:coltivare alcune risorse interiori come la compassione, l’autostima e la grinta ci aiuta ad affrontare traumi e difficoltà inaspettate

Come comunicare con empatia: usa il linguaggio non verbale

Comunicare con empatia e dunque con efficacia è diventato sempre più importante, sia nella nostra vita professionale che in quella privata.

Affinché si possa comunicare con efficacia devi soddisfare le esigenze dei tuoi interlocutori, dal punto di vista razionale ma anche emozionale.

Comunicare con il corpo, sviluppare il linguaggio non verbale è fondamentale quando entrano in gioco le emozioni.

In questo contesto anche il silenzio diventa una forma di comunicazione, in quanto rappresenta quella pausa che permette alla comunicazione di crescere.

Una comunicazione efficace fornisce certamente informazioni, dati, notizie e caratteristiche concrete ma comunica anche emozioni, oltre a comprendere, accettare e gestire lo stato d’animo proprio e altrui.

La comunicazione non verbale va considerata anche sul lavoro, tanto con i clienti quanto con i collaboratori.

I clienti analizzano e valutano le decisioni di acquisto sulla base di fatti, dati e caratteristiche del prodotto ma sappiamo che la decisione che spinge all’acquisto è influenzata dalle emozioni che l’azienda sa trasmettere.

I collaboratori formano la loro idea su di noi sulla base di fatti e caratteristiche della persona, ma decidono se seguirti sulla base delle emozioni, ovvero di quell’insieme di sensazioni e sentimenti che spingono ad agire e che generano fiducia.

Per avere una comunicazione più efficace e fare in modo che il tuo messaggio arrivi nel migliore dei modi a clienti e collaboratori, comincia a mettere un po’ di emozione in quello che dici: usa le mani, muovi il corpo e concentrati anche sul tono di voce.

Come diventare empatici? Ascolta, sii curioso, apriti agli altri

La curiosità verso gli altri è il primo passo per comprendere cos’è l’empatia.

Spesso durante le conversazioni abbiamo la risposta pronta prima ancora che l’altro abbia finito di parlare. Dobbiamo imparare invece ad ascoltare in modo attivo e creativo.

Prendiamoci un momento per considerare ciò che l’altro ha detto e facciamo delle domande per approfondire il suo punto di vista.

Cerchiamo poi di comprendere il pensiero del nostro interlocutore e proviamo a dare un nome alle sue emozioni.

Allo stesso tempo, aprirsi ai propri sentimenti e alle esperienze è fondamentale per poterli gestire e riconoscere in maniera equilibrata e costruttiva.

Abituarsi a questo comportamento permette di allargare i nostri confini di “giudizio e pregiudizio”, limitando l’uso di etichette verso l’altro e facilitando la visione di com’è realmente l’esperienza umana: un’esperienza comune.

 

Empatia

Sentirsi compresi e apprezzati è un bisogno comune a ogni persona. Ph. Tim Marshall per Unspalsh.com

 

Rick Hanson, nel testo La forza della resilienza, spiega come sia possibile sviluppare l’empatia, proprio come qualsiasi altra risorsa psicologica.

Alcuni metodi per rafforzarla sono:

  • immergersi a fondo nella propria interiorità. La consapevolezza di sé e degli strati più profondi dell’esperienza rafforza la consapevolezza degli altri;
  • assumere il punto di vista altrui, prendendo coscienza del fatto che quanto a noi appare evidente e importante potrebbe non esserlo per gli altri. Ognuno è plasmato dall’ambiente in cui vive;
  • arricchire il proprio bagaglio di competenze “culturali” confrontandoci con persone di provenienza diversa dalla nostra ci rende consapevoli di preconcetti inconsci e più rispettosi dei bisogni altrui;
  • imparare a cogliere le micro espressioni dell’altro, a guardarlo negli occhi e a non fermarsi alla superficie, proprio per cogliere le esigenze e le sofferenze più profonde che potrebbero celarsi dietro a un atteggiamento aggressivo;
  • imparare ad affinare la comprensione: formulare ipotesi è un elemento chiave dell’empatia. Correggere poi le interpretazioni inesatte è importante per raggiungere una comunicazione empatica più autentica.

 

Come uscire vincitori da ogni trattativa? Crea empatia. Controlla le emozioni. Ascolta. Prendi tempo

La testimonianza di Jack Cambria, uomo che ha fatto dell’empatia e del controllo delle emozioni la sua carta vincente racconta, in un’intervista a Millionaire**, quali sono le regole di una buona negoziazione.

«Controllare le emozioni: se non le controlli tu, saranno loro a controllare te.
Creare empatia con la persona con cui stai parlando.
Ascoltare, più che parlare: il rapporto deve essere 80% ascolto e 20% dialogo».

La negoziazione nelle aziende è la stessa dei momenti di crisi

«Noi negoziamo di continuo, anche per questioni banali, come il film da vedere in tv.
I principi base per le forze di polizia assomigliano a quelli delle aziende: bisogna stabilire un rapporto, capire l’orientamento della controparte, trovare un punto di contatto, ottenere la fiducia e chiudere la negoziazione.
Una negoziazione riuscita è quella in cui entrambe le parti sono soddisfatte. Ma non va sempre così bene.
Un abile negoziatore deve imparare a gestire le crisi, il caos, lo stress psicologico».

Jack Cambria, italo-americano di Brooklyn, è un ex comandante della squadra di negoziazione ostaggi della polizia di New York.

Con un’esperienza di oltre 5 mila negoziazioni in 34 anni di servizio, Cambria oggi insegna a poliziotti e manager a gestire situazioni delicate sottolineando l’importanza dell’ascolto.


**Intervista tratta da Millionaire di dicembre-gennaio 2020.
*Tipologie di Empatia e approfondimenti: Alessandro Ferrari

Esistono molti testi sull’empatia, ma un libro che ti consiglio di leggere è Intelligenza emotiva di Daniel Goleman.

 

Articolo a cura di Sara Soliman
AEsse Communication

**************************

Sara Soliman

Copywriter

Scopri i Servizi di AEsse Communication:

  • business blogging e testi professionali
  • copywriting
  • foto professionali
  • siti web responsive e mobile friendly
  • social media marketing

✉︎   info@aessecommunication.it

Servizi di Comunicazione digitale:
Nicola   ☏   +393498058016

Seguici sui social

LinkedIn  Facebook