Difendiamo la lingua italiana?

Difendiamo la lingua italiana?

In questi giorni Vittorio Sgarbi è sceso in campo a difesa della lingua italiana. In un post su Twitter e su Facebook, il celebre critico d’arte propone la cancellazione di alcune parole  – a suo parere  – assolutamente da abolire. E accetta suggerimenti per arricchire la lista delle parole da depennare, che si possono inviare direttamente a lui tramite i Social. Ecco le parole incriminate: “location”, “apericena”, “evento”, “sinergia”, “taggare”, “fashion”.

(altro…)

Visual facilitator: dalla parola al disegno

Visual facilitator: dalla parola al disegno

Nell’azienda evoluta si diffonde sempre più la figura del facilitatore visuale. Una professione che contempla la tecnica del disegno con la capacità di sintesi. Il visual facilitator è colui che durante le conferenze o nei workshop aziendali ascolta e ricostruisce, con matite colorate e fogli di carta, il focus degli inteventi dei relatori.

(altro…)

Il video è davvero per tutti?

Il video è davvero per tutti?

Continuo a leggere che il 2017 è l’anno del video in tutte le sue forme e per tutti, dalle aziende ai privati agli influencer. Non nascondo la mia perplessità, anche sulla messa in rete di video in diretta su Facebook.
I video bisogna saperli fare. E questo significa che l’improvvisazione rende buoni risultati di rado.

(altro…)

Il Freelance e la Rete

Il Freelance e la Rete

In una società del lavoro sempre più veloce e incontrollabile, si diffondono non solo nuove professioni ma anche nuove dinamiche.
In questo contesto il ruolo del freelance trova uno spazio che si colloca tra la necessità di essere considerato con uno specifico ruolo e la sensazione di una costante instabilità, professionale e relazionale.

(altro…)

Brexit accelera e la Cina diventa #global

Brexit accelera e la Cina diventa #global

Ieri il primo ministro inglese, Theresa May, con un tono di sfida alla Brexit ha scelto di uscire anche dal mercato comune in nome di una Gran Bretagna Globale, indipendente e sovrana. Nel contempo, la May, non chiude la porta definitivamente ma apre al negoziato con un velato “suggerimento”: “Se ci punirete abbasseremo imposte e attireremo investimenti”.

(altro…)